instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Rimani aggiornato su tutte le news di euroeconomie.it

[27/02/2024 13:34] Lagarde: la politica compia ulteriori passi per l'integrazione europea Euroeconomie [24/02/2024 17:28] Draghi all'Ecofin: "servono ingenti risorse per la doppia transizione, la difesa e i nostri modelli di coesione sociale” Euroeconomie [24/02/2024 08:27] Eurogruppo: le reazioni all'appello francese sull'Unione del mercato dei capitali Euroeconomie [24/02/2024 08:14] Eurogruppo: appello di Le Maire per l'unione del mercato dei capitali Euroeconomie [19/02/2024 13:54] Commissione Ue: la presidente Von der Leyen si candida per un secondo mandato Euroeconomie [17/02/2024 13:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona Euroeconomie [14/02/2024 23:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti Euroeconomie [12/02/2024 17:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo Euroeconomie [12/02/2024 16:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale Euroeconomie [12/02/2024 15:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex Euroeconomie [10/02/2024 23:12] Al via l'ultimo trilogo tra Parlamento,Consiglio e Commissione sul Patto di stabilità Euroeconomie [10/02/2024 14:18] Gentiloni a Washington discute di economia con Yellen e Powell. In visita anche a Brookings e in conferenza ad Harvard Euroeconomie [06/02/2024 20:05] Torna in Europa la presidenza del G7. L'Italia sotto i riflettori dei grandi del mondo Euroeconomie [06/02/2024 19:19] Attal incontra Scholz. Industria, energia, commercio e difesa al centro del bilaterale franco-tedesco Euroeconomie [02/02/2024 16:04] Protesta a Bruxelles degli agricoltori europei. La transizione ecologica è però la soluzione non il problema Euroeconomie [02/02/2024 14:25] 50 miliardi in quattro anni all'Ucraina. Decisione unanime al Consiglio europeo straordinario Euroeconomie [30/01/2024 18:52] Eurozona: il Pil crescerà dello 0,9% nel 2024 secondo il Fondo monetario Euroeconomie [26/01/2024 06:53] La Bce lascia i tassi invariati Euroeconomie [24/01/2024 13:26] Gentiloni: il successo di InvestEU incoraggia altri investimenti nelle industrie strategiche europee Euroeconomie [22/01/2024 14:21] Berlino, Parigi e Roma spingono per protezione militare delle navi mercantili nel Mar Rosso Euroeconomie [13/01/2024 18:02] Jacques Delors. L'idea e la visione di un'Europa sociale. Conversazione con Antonio Foccillo Euroeconomie [13/01/2024 12:08] Salario minimo: adozione ed evoluzione in Europa meridionale. Il caso spagnolo e italiano. Euroeconomie [10/01/2024 12:06] Eurozona: cresce la fiducia nelle prospettive economiche Euroeconomie [10/01/2024 12:00] Accordo nell'Ue per il nuovo Patto di stabilità Euroeconomie [10/12/2023 19:22] Sul nuovo Patto di stabilità intesa rimandata. Serve accordo entro fine 2023 Euroeconomie [27/11/2023 11:47] Riforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la proposta Euroeconomie [12/11/2023 12:03] Patto di Stabilità: più fiducia in un accordo di riforma dall'Ecofin Euroeconomie [12/11/2023 09:54] L'Eurogruppo riunito l'8 novembre. Si approssima la scadenza della sospensione del Patto di Stabilità Euroeconomie [07/11/2023 06:50] Gentiloni: riformare il Patto di Stabilità preservando spazio nei bilanci nazionali per gli investimenti pubblici Euroeconomie [02/11/2023 11:05] Dopo la Bce anche la Fed lascia i tassi invariati Euroeconomie [28/10/2023 08:30] Il Consiglio europeo del 26 e 27 ottobre Euroeconomie [27/10/2023 16:02] La Bce lascia i tassi invariati dopo 10 rialzi consecutivi Euroeconomie [22/10/2023 13:55] Usa-Ue: incontro a Washington su conflitti, aiuti economici e dazi. Euroeconomie [18/10/2023 08:15] Energia Ue: i ministri approvano una nuova riforma del mercato Euroeconomie [16/10/2023 20:25] Eurogruppo: si punta a riformare il patto di stabilità entro fine anno Euroeconomie
euroeconomie4

Jacques Delors. L'idea e la visione di un'Europa sociale. Conversazione con Antonio Foccillo

13/01/2024 18:02

Euroeconomie

Euroeconomie, Macro/Scenari, economia europea, Alessandro Mauriello, antonio foccillo, Jacques Delors, europa sociale, politica euroepa, europea, Foccillo dirigente Uil, Foccillo professore a Foggia ,

Jacques Delors. L'idea e la visione di un'Europa sociale. Conversazione con Antonio Foccillo

Delors aveva idee diverse da quelle prospettate negli anni dell'austerity espansiva. Servono politiche per coniugare tecnologia, welfare ed eguaglianza

Conversiamo con il professor Antonio Foccillo
Docente in Diritto del lavoro presso Università di Foggia, e dirigente sindacale.

a cura di Alessandro Mauriello per Euroeconomie

 

In questi giorni è venuto a mancare uno dei padri fondatori dell’Europa del Mercato unico, Jacques Delors, già presidente della Commissione UE e regista delle riforme Ue, come ben descrive Enrico Letta, presidente dell’Istituto che porta il suo nome a Bruxelles: “un progetto di riforme di lungo periodo che poggi su concorrenza, cooperazione e solidarietà”. Gentile professor Foccillo, lei, in tanti suoi saggi, si è occupato delle politiche neo liberiste e mercatiste applicate nelle policies inerenti il processo comunitario.


Ci può descrivere la figura chiave di Delors, appena scomparso per tale processo?
Nel quadro europeo la figura di Delors ha significato l’idea e la visione di una Europa sociale, ancorata in modo forte all’idea del Modello Sociale Europeo, insomma una idea diversa da quella finora conosciuta, prospettata negli ultimi anni da questa classe dirigente europea, dell’austerity espansiva.
Progettata su tesi di sviluppo economico tese a ridurre lo stato (Scuola di Chicago e Ordo Liberismo), il welfare come patto sociale di sviluppo, a non pianificare e implementare politiche di sviluppo macroeconomiche.
Tale visione riprende il concetto di “riduzione dei costi dello stato sociale”, della necessità urgente di tagliare pensioni e spesa sanitaria, oltre che ridimensionare la spesa pubblica, intervenendo con drastiche
misure nel pubblico impiego, con evidenti deficit in termini di progettazione del sistema paese, guardiamo alla mancanza di competenze per la gestione del PNRR.
Se smantelliamo il nostro sistema pubblico, e il nostro welfare europeo cosa rimane del sistema paese, dei sistemi produttivi inseriti nella comunità/unione europea. Come comunità non solo economica, ma politica.


Che ruolo avrà il Sindacato europeo ?
Qui inserisco l’esperienza che feci come responsabile Uil nazionale delle questioni europee, e lì conobbi Delors, la sua capacità di confronto e di attenzione alle questioni sociali.
In vari Congressi Ces il Sindacato Europeo, e in altri occasioni seminariali in quella fase in cui Delors era a capo della Commissione Europea si avviò una forte discussione sull’Europa sociale, sul tentativo di connessione tra egualitarismo e libertà, tra ammodernamento del welfare pubblico e formazione permanente dei lavoratori con elementi importanti per i corpi intermedi come:
• Dialogo sociale
• Contrattazione sovra nazionale
• Partecipazione
Protagonisti di questa fase furono nel Sindacato Emilio Gabaglio, Bruno Trentin, Tonino Lettieri, dirigenti di primo piano delle loro organizzazioni, che agivano sempre nell’interesse generale .

 

Come coniugare innovazione tecnologica welfare ed eguaglianza?
Le parole chiavi dovranno essere Conoscere per Controllare poi Decidere, il metodo utilizzato da Mitterand, Fabius e Rocard del PS francese per avviare una fase di sviluppo importante e di riforme nella
Francia di allora.
Cosi dobbiamo ritornare alla politica, alla buona politica che metta al centro dell’economia sostenibile:
• La Persona
• La Formazione
• La Mobilità
• La lotta alle nuove Disuguaglianze
• Regolazione sulle nuove tecnologie come Intelligenza Artificiale Generativa ecc.
• Sanità
• Una nuova politica di coesione e fondi Ue


Nello scenario geo politico/economico quale sarà il ruolo dell’UE?
Nelle crisi geo politiche odierne deve ritornare con un nuovo ruolo di diplomazia internazionale, e un nuovo ruolo della diplomazia ambientale, sulla Transizione digitale e ecologica ci giochiamo il futuro del sistema globale.
Poi dobbiamo mettere mano subito ad una riforma della stabilizzazione fiscale nell'Unione scorporando gli investimenti, tornare ad un sviluppo economico descritto in esordio, una vera riforma delle istituzioni con un vero esecutivo e una vera politica estera comune.


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIE

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder