instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[25/05/2024 12:14] Macron to meet German president in first state visit in 24 years[25/05/2024 11:09] G7 finance summit seeking unity on China and Ukraine[21/05/2024 16:43] The EU Council has definitively approved the AI Act: the world's first law on technology[17/05/2024 08:49] Spring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion[10/05/2024 07:34] Happy Europe Day 2024[08/05/2024 19:07] Macron press China's Xi on fair trade at Paris summit[24/04/2024 08:13] European Parliament adopts fiscal rules reform[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo[12/02/2024 15:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale[12/02/2024 14:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex
euroeconomie4

Sviluppo economico, globalizzazione sistemica e delocalizzazione produttiva

02/04/2022 10:14

Euroeconomie

Euroeconomies, Recent articles, Macros/Scenarios, Economic culture, produzione, delocalizzazioni, delocalizzazioni produttive, capitale, lavoro,

Sviluppo economico, globalizzazione sistemica e delocalizzazione produttiva

Un nuovo modello di politiche industriali? -di Alessandro Mauriello

In questi mesi si è aperta in Italia una larga mobilitazione sindacale rispetto alle note vicende della vertenza GKN di Firenze, come su altre non meno importanti dal punto di vista dell’impatto occupazionale , sociale, e territoriale, si veda la Whirpool di Napoli .
Altresì un’ ampia discussione, dentro e fuori dal governo per intervenire in termini di politiche del lavoro da parte del Ministro competente, Andrea Orlando sui riflessi sul sistema paese.
Visto che le molte vertenze in discussione al Ministero dello Sviluppo economico sono inerenti il Mezzogiorno, territori già colpiti dalla desertificazione industriale, dalla crisi pandemica, e dalla lunga “Questione Meridionale”, tema sempre più attuale nell’agenda politica per il superamento dei divari di cittadinanza, rilevati dal direttore di Svimez Luca Bianchi, in concerto con il tema della coesione territoriale come fattore di sviluppo economico anche per il nord del paese, come affermato dal prof. Gianfranco Viesti nei suoi numerosi lavori accademici, ed editoriali.

 

Le nuove norme antidelocalizzazioni in Italia 

 

Nelle norme “anti-delocalizzazione” contenute nella legge di Bilancio 2022, alla cui stesura hanno lavorato gli staff del Minsitro del Lavoro Orlando e del vice ministro Todde, si parla di una procedura che si innesta sulla scelta operata da alcune realtà imprenditoriali di chiudere, per cessazione dell’attività, una sede o uno stabilimento, facendone derivare dei licenziamenti. Quindi, una procedimentalizzazione della volontà di cessare l’attività, a prescindere dalla circostanza che si delocalizzi o meno, con il coinvolgimento dei player sindacali ed istituzionali.

Sono norme che chiamano in causa la responsabilizzazione sociale delle imprese coinvolte. Si richiede, finalmente e a ragione, alla parte datoriale di ipotizzare soluzioni condivise utili a ridurre l’impatto sociale di scelte che hanno natura imprenditoriale. 

 

Politiche industriali, sviluppo sostenibile, concertazione allo sviluppo

 

Le recenti crisi industriali ed occupazionali dimostrano che nvestimenti e attività produttive che sono connesse al tema dirimente delle politiche industriali , dello sviluppo sostenibile, della “concertazione allo sviluppo”(L. Tronti).
Il crollo degli investimenti pubblici e privati, hanno impedito in questi anni: una “crescita sostenibile”, un “Capitale Umano” adeguato alla sfida globale in termini di formazione ed educazione permanente rispetto ai cambiamenti organizzativi complessi (G. Alessandrini, P. Dominici), un ammodernamento dei sistemi produttivi, con una bassa innovazione di processo e di prodotto, nonostante i dati diffusi sulla produzione manifatturiera si guardi ai lavori del prof. Marco Fortis, che ci indicano come il secondo paese industriale dell’Ue.
In integrazione a tale tendenza “la globalizzazione, con lo straordinario aumento dell’offerta di lavoro competitivo, e la tecnologia dell’informazione, con l’opportunità di una nuova intensa fase di sostituzione di capitale a lavoro, di disintermediazione di molte attività di servizio e di promozione di un nuovo lavoro individuale attraverso piattaforme digitali, hanno trasformato le filiere del lavoro e reso più difficile la sua organizzazione.”(F. Barca, P. Luongo, Un Futuro più giusto)
Dopo le misure emergenziali, è venuto il tempo di politiche strutturali che combattano “la bassa propensione delle imprese a investire, verso un aggancio sicuro all’economia della conoscenza”(L. Tronti in “Per un Nuovo Patto Sociale”):
• Tale politica di programmazione dovrà coinvolgere i corpi intermedi con le loro proposte, in concerto con una nuova governance della contrattazione, per esempio attraverso strumenti come il Piano del Lavoro proposto dalla Cgil, come “dorsale di diffusione del nuovo sviluppo non solo tra le imprese, ma anche tra i territori offrendo una base di coordinamento e moltiplicazione di azioni, informazioni e risultati attraverso le diverse istituzioni bilaterali e confrontandosi sia con le amministrazioni, sia con le istituzioni pubbliche e di ricerca deputate alla politica industriale sia con le banche e le istituzioni finanziarie.” ”(L. Tronti in “Per un Nuovo Patto Sociale”).
• Ma l’innovazione più urgente nel disegno complessivo di questo tipo di proposte è il l’apporto dei lavoratori ai processi creativi delle attività produttive di lavoro, il lavoro ridisegna lo sviluppo umano, ciò che viene chiamata dal prof. Leonello Tronti “partecipazione cognitiva”.
• Una contrattazione sui processi digitali, e sulla formazione dei
lavoratori

• La formazione diviene leva dello sviluppo sostenibile, costruzione della cittadinanza sociale anche sui luoghi di lavoro nella “società ipercomplessa” (P. Dominici)
• Un nuovo ruolo dei corpi intermedi, che divengono corpi sociali non solo dello sviluppo , ma della democrazia economica.

 

Alessandro Mauriello per le rubriche Macro/Scenari e Cultura Economica di @euroeconomie


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder