instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo[12/02/2024 15:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale[12/02/2024 14:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex[10/02/2024 22:12] Al via l'ultimo trilogo tra Parlamento,Consiglio e Commissione sul Patto di stabilità[10/02/2024 13:18] Gentiloni a Washington discute di economia con Yellen e Powell. In visita anche a Brookings e in conferenza ad Harvard[06/02/2024 19:05] Torna in Europa la presidenza del G7. L'Italia sotto i riflettori dei grandi del mondo[06/02/2024 18:19] Attal incontra Scholz. Industria, energia, commercio e difesa al centro del bilaterale franco-tedesco[02/02/2024 15:04] Protesta a Bruxelles degli agricoltori europei. La transizione ecologica è però la soluzione non il problema[02/02/2024 13:25] 50 miliardi in quattro anni all'Ucraina. Decisione unanime al Consiglio europeo straordinario[30/01/2024 17:52] Eurozona: il Pil crescerà dello 0,9% nel 2024 secondo il Fondo monetario
euroeconomie4

La transizione possibile. Policies energetiche ed ecologiche della Regione Lazio. Conversazione con l'assessor

30/01/2023 14:10

Euroeconomie

Euroeconomies, Macros/Scenarios, Transizione ecologica, Massimiliano Valeriani, regione lazio, urbanistica e rifiuti, giunta regionale del lazio, valeriani, assessore valeriani, intervista euroeconomie valeriani, transizione energetica,

La transizione possibile. Policies energetiche ed ecologiche della Regione Lazio. Conversazione con l'assessore Valeriani

Conversazione con Massimiliano Valeriani, assessore all’Urbanistica, alle Politiche abitative e al Ciclo dei rifiuti della Regione Lazio.  a cura di A

Conversazione con Massimiliano Valeriani, assessore all’Urbanistica, alle Politiche abitative e al Ciclo dei rifiuti della Regione Lazio. 

 

a cura di Alessandro Mauriello

per la rubrica Macro/Scenari di Euroeconomie.it

 

1.       Cosa sta facendo la Regione sulla transizione ecologica ed energetica in termini di policies, in linea con le direttive europee?

 

“L’orizzonte della nostra programmazione e delle nostre azioni è quello indicato dalle leggi dello Stato e dalle direttive dell’Unione Europea. In particolare, tutta la politica europea in materia di rifiuti è rivolta a promuovere interventi di contrasto del cambiamento climatico e di tutela dell’ambiente, contribuendo così all’inversione di quel modello di sviluppo fondato sul principio ‘usa e getta’, passando da una ‘economia lineare’ a una ‘economia circolare’: una stringente necessità che riguarda tutti noi.

La sfida dell’economia circolare può essere affrontata con successo solo attraverso una strategia condivisa dalle varie forze per garantire la piena funzionalità del sistema e governare con efficacia l’intero ciclo dei rifiuti. Il nuovo Piano Rifiuti del Lazio, ad esempio, indica da una parte le azioni di contrasto alla produzione degli scarti e allo sviluppo della raccolta differenziata, mentre dall’altra parte prevede l’indicazione degli impianti necessari per il trattamento e lo smaltimento delle varie tipologie di rifiuti, da quelli urbani a quelli industriali, dai rifiuti speciali ai fanghi dei depuratori, all’interno delle localizzazioni fornite dalle province.

Sono pertanto due i pilastri della nuova pianificazione regionale: l’autosufficienza del Lazio e un’equa ripartizione territoriale del peso impiantistico - per chiudere il ciclo dei rifiuti all’interno dei propri confini - e l’economia circolare con investimenti e interventi concreti per favorire la raccolta differenziata, il riciclo dei rifiuti e il riuso delle materie, sostenendo la realizzazione di una filiera industriale ecosostenibile.

Con il nuovo Piano Energetico regionale, inoltre, puntiamo a cancellare le emissioni nette di CO2 entro il 2050 grazie al 100% di fonti rinnovabili, mentre il Piano di risanamento della qualità dell’aria prevede di ridurre progressivamente i livelli d’inquinamento con investimenti per 3,4 miliardi di euro nei prossimi anni. Tutti programmi e obiettivi in linea con le direttive europee".

 

 

2. Nello specifico per gli immobili e il loro impatto ambientale?

 

“Dopo 25 anni di attesa, la nostra Amministrazione è riuscita ad approvare il nuovo Piano territoriale paesistico che mancava dal 1998, con cui viene disciplinato l’uso dell’intero territorio del Lazio, salvaguardando i vincoli del paesaggio e fornendo certezze ai Comuni, agli operatori del settore e ai cittadini. Questo strumento di pianificazione interviene sul territorio vincolato, come beni del patrimonio naturale, culturale e paesaggistico tutelati per legge, e sostituisce completamente i precedenti Piani Territoriali Paesistici, dotando il Lazio di un unico strumento di gestione del territorio.

Oltre al Ptpr, abbiamo sostenuto i programmi di rigenerazione urbana per il recupero di quartieri ed edifici degradati senza ulteriore consumo di suolo: sono stati approvati circa 110 progetti di rigenerazione in diversi Comuni  del Lazio perché il futuro dell’urbanistica è il recupero e non l’espansione.

Sul tema della casa abbiamo poi investito un miliardo di euro per riqualificare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica del Lazio. In particolare, sono stati stanziati 100 milioni di euro per la realizzazione di oltre 1.000 nuovi alloggi popolari senza ulteriore consumo di suolo. Si tratta del più grande piano di edilizia pubblica degli ultimi trent'anni.  Sono stati promossi anche numerosi interventi per la riqualificazione del patrimonio Ater con un finanziamento regionale di circa 400 milioni di euro, che ha interessato migliaia di alloggi nelle cinque province della nostra regione per favorire l’efficientamento energetico degli edifici e la riduzione dei consumi di luce e gas con un notevole impatto positivo sull’ambiente. Insieme alla riqualificazione degli immobili, infine, sono già state realizzate anche 18 aree verdi con parco giochi e campi polivalenti in altrettanti complessi di edilizia pubblica con un contributo regionale di circa un milione di euro.

Con la riqualificazione del patrimonio di edilizia pubblica, vogliamo anche promuovere il decoro urbano e valorizzare il tessuto sociale e culturale del territorio, sostenendo il senso di appartenenza delle comunità locali. Vogliamo contrastare la carenza civica e il senso di marginalità sociale, favorendo nuovi spazi e opportunità di confronto, integrazione e crescita". 

 

 

3. Che cosa a suo avviso in termini di azione di sistema Paese dovremmo implementare sui temi menzionati?

 

"È fondamentale promuovere la riduzione della produzione di rifiuti, a partire dagli imballaggi in plastica, e incentivare lo sviluppo della raccolta differenziata per sostenere il recupero e il riciclo delle materie. Solo così i rifiuti possono trasformarsi da un problema in una risorsa. Per raggiungere questi obiettivi è necessario favorire nei Comuni l’applicazione della Tariffa puntuale, secondo il principio ‘meno inquini e meno paghi’, implementare la realizzazione di isole ecologiche, di centri di compostaggio e impianti per il riuso.

Ma è altrettanto importante sostenere il rafforzamento delle attività di controllo e di vigilanza in materia di tutela ambientale e misure per la legalità e la sicurezza. Strumenti e procedure che potranno aiutare nella gestione degli atti amministrativi, come i procedimenti autorizzatori da concedere o rinnovare, per la realizzazione di nuove strutture di trasformazione o trattamento dei rifiuti. Un piano di rafforzamento che deve riguardare anche la tematica delle verifiche sugli impianti autorizzati: in questo caso emerge il bisogno di una solida programmazione dei controlli operati in rete con altre autorità competenti, prevedendo anche accordi interistituzionali che possano ampliare la gamma dei monitoraggi in ragione delle competenze di ciascun ente (Arpa Lazio, Asl, Carabinieri Forestali ecc.).

Il problema non sono gli impianti, ma una corretta gestione del ciclo dei rifiuti. Non prestiamoci ad un atteggiamento superficiale e disfattista di quanti non vogliono affrontare con serietà e lungimiranza il nodo dei rifiuti, che devono essere gestiti e non demonizzati.

 

Serve dunque una grande alleanza tra istituzioni, imprese e cittadini per affermare un modello di sviluppo incentrato sulla sostenibilità, sul rispetto dell’ambiente, sull’uso consapevole delle risorse, sull’economia circolare. Un impegno etico, ma anche una grande occasione di sviluppo duraturo".

 

Mauriello@euroeconomie.it


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder