instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[25/05/2024 12:14] Macron to meet German president in first state visit in 24 years[25/05/2024 11:09] G7 finance summit seeking unity on China and Ukraine[21/05/2024 16:43] The EU Council has definitively approved the AI Act: the world's first law on technology[17/05/2024 08:49] Spring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion[10/05/2024 07:34] Happy Europe Day 2024[08/05/2024 19:07] Macron press China's Xi on fair trade at Paris summit[24/04/2024 08:13] European Parliament adopts fiscal rules reform[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo[12/02/2024 15:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale[12/02/2024 14:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex
euroeconomie4

Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi

25/03/2024 16:57

Euroeconomie

Euroeconomies, Macros/Scenarios, economia europea , euroeconomie, euroeconomia, Patrizia Gallo, Marco Marazzi, Avvocato Marazzi, economia cinese, rapporti economici eu-china, economic dialogues eu china, china, european union, senior nalist patrizia gallo, asia, marzo 2024,

Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi

Intervista al presidente di Easternational, esperto di mercati asiatici. A cura della nostra Senior Analyst Patrizia Gallo

Pubblichiamo l'Intervista all'Avv. Marco Marazzi, presidente Easternational, esperto di mercati asiatici sulle relazioni tra Europa e Cina. A cura della Dott.ssa Patrizia Gallo senior analyst per Euroeconomie

 

Fears and expectations for the future of relations between Europe and China. There is the need to consolidate greater cooperation in strategic sectors such as technology and telecommunications in a cybersecurity context. From an expert on Asian markets, the interview proposes the state of the art of economic agreements in a complicated international context.

 

L'Unione Europea era convinta fosse solo questione di tempo, da concedere al partner cinese, al fine di lasciare che le istanze democratiche o di capitalismo liberale avvicinassero le preferenze sociali cinesi a quelle occidentali. In realtà da almeno un lustro le istituzioni di Bruxelles si sono mosse per ricalibrare i legami con la Cina, promettendo di affrontare le crescenti minacce al commercio, alla crescita economica e alla sicurezza, poste dall'assertività globale di Pechino. Considerata in tutto il suo peso specifico la sua lunga esperienza nei rapporti economici tra Europa e Cina, è uno scenario in cui si ritrova?

 

Non penso che l’Unione Europea si aspettasse una trasformazione della Cina in una democrazia liberale. Non è una ipotesi realistica né lo è mai stata. Più che altro, si è passati dall’insistere sulla reciprocità nel trattamento (che era la filosofia dietro il CAI, il Comprehensive Agreement on Investment siglato ma mai ratificato) a temere gli investimenti cinesi tout court. E’ un approccio a mio avviso molto miope e di brevissimo periodo, perché in alcuni settori i capitali cinesi sarebbero importanti. Bisognerebbe invece reimpostare il discorso sulla reciprocità: ad ogni apertura esistente o ulteriore del mercato europeo deve corrispondere una esattamente speculare di quello cinese.  E, badiamo bene, viceversa.  Al momento, da legale, è più facile per me poter concludere in quale settore gli stranieri non possono investire in Cina, c’è una lista molto chiara, che in quali i cinesi non possono investire in Europa: questa decisione infatti è rimessa a valutazioni prettamente politiche che cambiano da paese a paese e da governo a governo.

 

D  L'Unione europea, in particolare nell'ultima legislatura, ha orientato la sua programmazione economica al consolidamento del mercato interno, allineandosi al trend delle economie macroregionali. Le difficoltà sono tante, Lei ritiene che ne sia al riparo il programma della “Prosperità comune” predisposto dal governo cinese?  

 

La Cina anche sta seguendo due linee contradditorie, sintomo forse di un dibattito all’interno del partito tra chi ha più a cuore i temi securitari e chi invece comprende che la Cina è diventata quello che è grazie soprattutto alla sua apertura al mondo.  La prosperità comune è un tentativo di ridistribuire la ricchezza all’interno del paese in modo più equo e dovremmo esserne felici se veramente ci sta così a cuore il benessere anche dei cittadini cinesi.  La vera contraddizione come dicevo è tra la continua dichiarata apertura agli investimenti dall’estero e il richiamo altrettanto continuo ad essere autosufficienti su alcune tecnologie. Se il messaggio è “vieni ad investire a casa mia in alta tecnologia così poi mi aiuti a diventare più forte ed autosufficiente° non dobbiamo meravigliarci che i governi europei diventino nervosi. In passato il messaggio era vieni ad investire così fai il 30% degli utili della tua azienda nel mio grande mercato. Suona meglio.

 

D  Le affermazioni contenute nel documento strategico del marzo 2019, da parte del servizio diplomatico della Commissione europea, hanno avvicinato l'approccio di Bruxelles alla valutazione espressa dagli Stati Uniti nei confronti della Cina, considerata come il principale rivale strategico?

Direi si e no. Al contrario degli USA, i paesi europei in gran parte non hanno interessi militari e strategici consolidati nel Pacifico o in quello che, con un chiaro schiaffo in pieno viso a Pechino (mi fa specie che i politici italiani che usano questo termine non se ne accorgano) viene chiamato “Indo-Pacifico”.  La rivalità strategica quindi si pone sempre più sul piano economico per la UE, non su quello militare o geostrategico.  

D  I funzionari dell'UE hanno affermato che l'atteggiamento dell'Europa nei confronti della Cina è cambiato a causa dell’incapacità cinese di aprire i mercati, del suo uso di sussidi per creare campioni aziendali nazionali, delle sue azioni nel Mar Cinese Meridionale e della sua spinta al dominio nei settori della tecnologia e delle telecomunicazioni. Anche Lei individua in queste cause il deterioramento delle relazioni sino-europee?

La prima accusa non è molto fondata: se si voleva apertura del mercato avremmo ratificato il CAI.  Sui sussidi, questo è un tema reale, sul quale l’Unione Europea è intervenuta con le Foreign Subsidies Regulations. E’ vero che tanti settori dell’industria cinese hanno beneficiato di aiuti di Stato; è giusto quindi cercare di arrivare ad un riequilibrio sul punto anche se vedo che in Europa si parla sempre più di sussidiare i settori strategici. Quando saremo diventati come i cinesi a quel punto che senso avrebbe accusare loro di fare qualcosa che stiamo facendo anche noi?  Sul Mar Cinese Meridionale, non penso che l’UE veramente abbia interessi strategici tali quanto quelli USA. Sono aree lontane da noi, dove esistono equilibri che andremmo solo a rompere, peggiorando la situazione.

D  L’agenda politica dell’Unione europea nei confronti della Cina si orienta su cinque capitoli: la tutela dei diritti umani; la riforma delle istituzioni di governance globale, a iniziare dal WTO; la tutela e la governance dei mari; cambiamenti climatici, politica ambientale e utilizzo delle risorse; e, infine, la fitta agenda di tutela della cyber-sicurezza. E l’agenda della Cina di Xi verso Bruxelles? Lei che la conosce bene, può, in conclusione di questa intervista, renderla intellegibile ai lettori di Euroeconomie?

L’agenda cinese verso Brussels è, da sempre, aumentare la cooperazione bilaterale in tutti i settori economici. E sperare che un giorno l’UE acquisti autonomia strategica dagli USA.

 


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder