instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[20/07/2024 14:46] ECB leaves key interest rates unchanged[20/07/2024 11:12] The two presidents Von der Leyen and Metsola re-elected at the top of the Eu institutions[17/07/2024 20:17] Les résultats surprenants des élections françaises. Quel sera l’impact sur la gouvernance de l’économie[13/07/2024 10:14] "Europa tra presente e futuro": il nuovo libro della Treccani, curato da Amato e Verola[06/07/2024 09:12] The Labour Party wins the UK elections by a landslide. Starmer Prime Minister. Reeves new Chancellor of the Exchequer[28/06/2024 08:37] EU summit nominates von der Leyen for second term as Commission President[24/06/2024 20:27] The first Eurogroup after the European elections[15/06/2024 19:10] The economic themes of the G7 Summit in Italy[15/06/2024 10:24] From the European elections a call for greater integration and not the opposite[14/06/2024 07:38] EU to impose additional tariffs of up to 38% on Chinese EVs[07/06/2024 17:24] ECB cuts key rate by quarter point[25/05/2024 12:14] Macron to meet German president in first state visit in 24 years[25/05/2024 11:09] G7 finance summit seeking unity on China and Ukraine[21/05/2024 16:43] The EU Council has definitively approved the AI Act: the world's first law on technology[17/05/2024 08:49] Spring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion[10/05/2024 07:34] Happy Europe Day 2024[08/05/2024 19:07] Macron press China's Xi on fair trade at Paris summit[24/04/2024 08:13] European Parliament adopts fiscal rules reform[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development
euroeconomie4

From the European elections a call for greater integration and not the opposite

15/06/2024 10:24

Euroeconomie

Euroeconomies, Macros/Scenarios, economia europea, european economy, elezioni europee, voto giugno 2024 per il parlamento europeo, rinnovo del parlamento europeo, serve maggiore integrazione europea, european federale economy, una economia federale, euroeconomie 15 giugno 2024, direttore Antonio de Chiara,

From the European elections a call for greater integration and not the opposite

L'esito delle elezioni europee di giugno conferma e non smentisce la necessità di procedere verso l'integrazione economica federale dell'Unione europea.

EN -  The outcome of the European elections in June confirms and does not deny the need to proceed towards federal economic integration of the European Union. What is needed is a surge of forces which in their electoral programs promised the deepening of European integration so as not to squander a heritage accumulated over the years. A confederal regression would not benefit European citizens, even those who have relied on forces that made them believe that less Europe could be the solution. The success of the Euro and the Next Generation EU or Sure confirms that when you chose more European integration you were not wrong.

 

IT- L'esito delle elezioni europee di giugno conferma e non smentisce la necessità di procedere verso l'integrazione economica federale dell'Unione europea. Serve uno slancio di forze che nei programmi elettorali hanno promesso l'approfondimento dell'integrazione europea per non disperdere un patrimonio accumulato negli anni. Una regressione confederale non gioverebbe ai cittadini europei, anche a coloro che si sono affidati a forze che hanno fatto credere loro che, meno Europa, possa essere la soluzione. Il successo dell'Euro e del Next Generation EU o di Sure conferma che quando si è scelta più integrazione europea non ci si è sbagliati.  

 

Su molti media europei e non solo, l'esito delle elezioni europee viene commentato come una cattiva notizia per l'integrazione economica europea che dovrà venire. Anche dai mercati si notano segnali sparsi di sfiducia. Possibile che i gestori dei grandi capitali scommettano su una presunta incapacità del rinnovato parlamento di Strasburgo e dei vertici istituzionali Ue di dare vita ad una nuova stagione di stabilità dell'Unione intera? Di sicuro, nella decima legislatura non sarà semplice promuovere da Bruxelles una maggiore coesione federale e rifletterla in un crescente sviluppo economico. In questo quadro, viene da chiedersi su cosa fondare una narrazione meno pessimista e la risposta si trova nella videografica che rappresenta l'arco dei gruppi partitici eletti. Possiamo infatti notare che una massa critica di forze parlamentari tiene in una ridotta estrema, seppur corposa, i due gruppi a trazione sovranista i quali, se esclusi dal nuovo esecutivo europeo, non riusciranno ad imporre la svolta sognata ovvero un assetto neoconfederale dell'Unione. Ci sono concrete possibilità di affrontare la sfida neonazionalista al completamento dell'Unione economica. Più che dal Parlamento, le incognite potrebbero venire dagli equilibri interni al Consiglio europeo, dove la conferma e l'ingresso di leader poco inclini ad approfondire l'integrazione, potrebbe avere un impatto significativo sugli sviluppi che servono per fare dell'economia dell'Ue un'area forte, coesa e meno vulnerabile degli anni scorsi. Occorrerà neutralizzare illusorie velleità neoconfederali e saperlo fare senza stracciare assi e intese interstatuali che funzionano da decenni, facendo fare loro un salto di qualità in chiave federale. Servirà una guida solida e una Commissione in grado di dare all'esecutivo la capacità di proseguire nell'agenda delle transizioni e che convinca a rinsaldare le fila su dossier urgenti da affrontare, come la politica industriale, l'autonomia negli approvigionamenti ed energetica, l'unione bancaria. Servono risorse, servono miliardi di euro e nei due rapporti su competitività e crescita stilati da Letta e Draghi o se volete anche nel recente Manifesto di economisti e policy makers promosso da Marco Buti e Marcello Messori, si chiede di dotare di strumenti comuni di finanziamento l'Unione europea. Serve visione e coraggio, e una legislatura in cui cominciare ad accelerare per un piano comune che conduca ad un Tesoro europeo, alla stregua dei Treasury dei grandi attori economici globali. E fare debito comune con piani di investimento permanenti che permettano ai Paesi fondatori di consolidare il welfare sociale, in un riequilibrio solidale tra aree regionali degli stessi, e ai Paesi dei vari allargamenti di strutturarne uno all'altezza di disseminare consenso e associare alla maggiore dotazione di risorse europee disponibili un effettivo miglioramento del benessere percepito socialmente. Servono agevolanti finanziamenti alle capacità di autonomia tecnologica del vecchio Continente. E servono veloci aggiornamenti, imposti con potestà normativa e non lasciati al caso, in termini di tempi di lavoro, di decenza salariale, di welfare demografico e di riequilibrio nell'Ue dei tempi di vita. Serve una riforma dell'antitrust che non parcellizzi le già inadeguate concentrazioni industriali nell'Unione e incoraggi le dimensioni efficaci per avere grandi attori multinazionali europei nella complicatissima partita dei mercati globali. Non bisogna per forza percorrere antiquate ricette protezioniste, ma nemmeno fare dei prossimi anni un periodo storico in cui l'economia e le produzioni europee restino alla mercè degli incombenti, non di rado predatori, investitori asiatici o arabi. Per fare tutto questo, serve una Commissione europea in grado di coordinare le riforme ei consolidamenti suddetti e in grado di capitalizzare le ottime sistematizzazioni normative che spesso vengono dal Parlamento europeo e dalle sue Commissioni tecniche. Insomma una Grande Europa. Si può fare, preservando al Palazzo Berlaymont una maggioranza di forze che nel nuovo Parlamento hanno promesso, con roboanti programmi economici, di voler procedere sulla via della coesione federale.

 

Antonio De Chiara @euroeconomie.it


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder