instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[14/06/2024 07:38] EU to impose additional tariffs of up to 38% on Chinese EVs[07/06/2024 17:24] ECB cuts key rate by quarter point[25/05/2024 12:14] Macron to meet German president in first state visit in 24 years[25/05/2024 11:09] G7 finance summit seeking unity on China and Ukraine[21/05/2024 16:43] The EU Council has definitively approved the AI Act: the world's first law on technology[17/05/2024 08:49] Spring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion[10/05/2024 07:34] Happy Europe Day 2024[08/05/2024 19:07] Macron press China's Xi on fair trade at Paris summit[24/04/2024 08:13] European Parliament adopts fiscal rules reform[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo
euroeconomie4

UE e lavoratori su piattaforma

10/04/2022 09:51

Euroeconomie

Euroeconomies, Macros/Scenarios, Economic culture, euroeconomie, euroeconomia, Silvana Paruolo, lavoro, lavoratori, piattaforme, lavoro subordinato, algoritmi,

UE e lavoratori su piattaforma

di Silvana Paruolo

I lavoratori tramite piattaforme digitali sono quasi sempre inquadrati come lavoratori autonomi. Il che significa, nella maggior parte dei sistemi giuridici europei – non avere accesso, o avere un accesso limitato, alla protezione del lavoro, quali i diritti di contrattazione collettiva, la tutela della salute e della sicurezza, nonché i regimi di previdenza sociale. Le laissez-faire per Uber, Deliveroo, Amazon, Mechanical Turk ecc. volge al termine?
Dopo un’ampia consultazione in due fasi (cui i sindacati hanno ampiamento contribuito) - nel dicembre 2021 - la Commissione europea ha presentato una proposta di Direttiva relativa al miglioramento delle condizioni di lavoro nel lavoro mediante piattaforme digitali, che mira a garantire che i lavoratori falsi indipendenti abbiano accesso a diritti - contratto di lavoro, congedi
retribuiti, indennità di malattia ecc. - che per gli altri lavoratori sono la norma. E offre condizioni di concorrenza equa alle imprese che subivano la concorrenza sleale delle piattaforme. Come parte del pacchetto, comprendente questa proposta di direttiva, la Commissione europea ha avviato anche una nuova consultazione sul possibile aggiornamento delle regole intorno la concorrenza e le tutele dei lavoratori autonomi individuali.

I contratti collettivi - si legge in una nota della Commissione - sono un importante strumento per migliorare le condizioni di lavoro. Tuttavia, i
lavoratori autonomi sono considerati in linea di principio  'imprese' ; e rischiano di violare l'articolo 101 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea se negoziano collettivamente i propri onorari e altre condizioni inerenti alle loro attività";.  La consultazione servirà all’esecutivo UE per proporre entro giugno 2022 un nuovo orientamento in materia di concorrenza e consentire a alcune categorie di lavoratori autonomi di avvalersi della contrattazione collettiva e di associarsi per proteggere i propri interessi. Il progetto di orientamenti si riferisce sia alle situazioni online che  quelle offline”.


Ma procediamo con ordine.
La Commissione europea propone cinque requisiti, specificando che, allorquando due di essi siano soddisfatti, il rapporto di lavoro deve essere considerato subordinato, con la conseguente necessità di stipulare un Contratto di lavoro. I cinque requisiti sono questi:

(1) la sussistenza di una retribuzione predeterminata o di un tetto massimo ad essa (limiti alla remunerazione);

(2) il controllo della prestazione attraverso strumenti tecnologici (regole per quanto riguarda l’aspetto, il comportamento con i clienti e l’esecuzione e la qualità della prestazione);

(3) la sussistenza di limiti all’orario di lavoro o ai periodi di riposo nonché alla cessione a terzi della prestazione dedotta nel contratto

(4) la sussistenza di regole vincolanti sulla prestazione con limitazioni alla libertà di accettare o rifiutare incarichi o di avvalersi di subappaltatori o sostituti;

(5) restrizione alla possibilità di creare una base clienti o di eseguire lavori per terzi.


L’onere di prova della presunzione del rapporto di subordinazione è invertito. In altri termini spetta alle piattaforme digitali dover dimostrare che, nonostante la sussistenza di due o più indici, non esista un rapporto di lavoro subordinato (ART. 5). Sarà poi compito di ciascun Stato Membro fare
in modo che non vengano penalizzate quelle aziende in cui effettivamente i lavoratori svolgono la prestazione in autonomia.  La proposta di direttiva fa riferimento a prestazioni che possono essere effettuate in un luogo fisico specifico (come la consegna del cibo o il trasporto in auto) o online
(come per esempio la codifica di dati o servizi di traduzione) individuando nell’utilizzo di tecnologie algoritmiche - finalizzate all’incontro fra domanda e offerta di lavoro - l’elemento comune a tutte le fattispecie (“labour platform”). Si applica quindi a tutti i lavoratori subordinati delle piattaforme. Non riguarda i soli rider e autisti ma milioni di lavoratori della gig economy,
anche freelance. Con la sua adozione e entrata in vigore, delle persone potrebbero diventare veri lavoratori autonomi. Ma altri milioni di persone potrebbero essere riclassificate come lavoratori subordinati. Il che implicherà l’accesso a:
- periodi di riposo e ferie retribuite;
- almeno la retribuzione minima nazionale o settoriale (se del caso);
- tutela della sicurezza e della salute;
- prestazioni di disoccupazione, malattia e assistenza sanitaria;
- congedo parentale;
- diritti pensionistici;
- prestazioni relative agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali.
 

Assicurando il monitoraggio umano e il diritto di impugnare decisioni automatizzate, la proposta di direttiva mira inoltre a incrementare la trasparenza per quanto riguarda l’uso di algoritmi da parte delle piattaforme. E per rendere più trasparente l’attività delle piattaforme, impone di mettere a disposizione delle autorità nazionali alcune informazioni in merito alle attività svolte e alle persone che vi lavorano.


La parola è ora passata al Parlamento europeo e al Consiglio che dovranno esprimere la propria posizione su questa Proposta di direttiva. La relatrice del Parlamento europeo è Elisabetta Gualmini del gruppo S&D.
La presunzione del rapporto di subordinazione - già sostenuta dalla relazione d’iniziativa adottata dal PE nel settembre 2021 - sarà oggetto di grandi battaglie. C’è chi – spinto dalle lobby di Uber e Deliveroo - farà di tutto per richiedere che i requisiti d soddisfare siano almeno tre, quattro, o anche cinque. E c’è chi sostiene una presunzione di subordinazione non appena un solo requisito verrà sollecitato.
La presidenza francese intende promuovere il lavoro sulla “trasparenza degli algoritmi”. E ci sarà anche da tutelare i lavoratori di altri settori che potrebbero indurre la trasformazione dei loro dipendenti in lavoratori autonomi.

 

Silvana Paruolo per lle rubriche Macro/Scenari e Cultura Economica di @euroeconomie


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder