instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[25/05/2024 12:14] Macron to meet German president in first state visit in 24 years[25/05/2024 11:09] G7 finance summit seeking unity on China and Ukraine[21/05/2024 16:43] The EU Council has definitively approved the AI Act: the world's first law on technology[17/05/2024 08:49] Spring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion[10/05/2024 07:34] Happy Europe Day 2024[08/05/2024 19:07] Macron press China's Xi on fair trade at Paris summit[24/04/2024 08:13] European Parliament adopts fiscal rules reform[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo[12/02/2024 15:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale[12/02/2024 14:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex
euroeconomie4

Il Nobel per l'economia 2023 a Claudia Goldin

15/10/2023 12:30

Euroeconomie

Euroeconomies, Economic culture, Chicago, Claudia Goldin, gender gap, Nobel per l'economia 2023, economia di genere,

Il Nobel per l'economia 2023 a Claudia Goldin

Urgono cambiamenti al modo in cui lavoriamo e come diamo valore all’assistenza se vogliamo raggiungere l’uguaglianza di genere e l’equità di coppia

 

Il Premio Nobel per le scienze economiche 2023, premio della Banca di Svezia in memoria di Alfred Nobel, è stato assegnato all'economista statunitense Claudia Goldin, per la sua ricerca sull’occupazione femminile, che ha contribuito a identificare le maggiori determinanti delle differenze di genere che si osservano ancora oggi nel mercato del lavoro di tutti i paesi del mondo. La Goldin è la prima delle tre donne a ricevere da sola il prestigioso riconoscimento, considerando che Elinor Ostrom (2009) ed Ester Duflo (2019) sono state insignite in passato del premio in coabitazione con economisti uomini.  E' inoltre stata la prima donna a cui nel 1989 è stato offerto un incarico nel dipartimento di economia di Harvard, ha diretto il programma Development of the American Economy dell’istituto dal 1989 al 2017 ed è co-direttrice del Gender in the Economy Study Group del National Bureau of Economic Research (Nber), grazie ai meriti di una carriera durante la quale la ricchezza dei dati che ha reperito, ha permesso di identificare le maggiori variabili che hanno influito sulla partecipazione femminile al mercato del lavoro nel corso del XX secolo. 
 

Decenni di ricerca innovativa e in solida prospettiva storica

Basandosi su decenni di ricerca innovativa, Claudia Goldin ha fornito uno sguardo nuovo e approfondito alle diverse esperienze delle donne statunitensi con istruzione universitaria dal 1900 a oggi, esaminando le aspirazioni che hanno formato e gli ostacoli che hanno dovuto affrontare in termini di carriera, lavoro, matrimonio e figli. 

La ricerca di Claudia Goldin ha unito due ambiti importanti della ricerca economica: l’economia del lavoro, appunto finalizzata a spiegare le scelte di lavoro degli individui, e la storia economica. Paradigmatica in questo senso la Richard T. Ely Lecture “The Quiet Revolution That Transformed Women's Employment, Education, and Family”, tenuta presso la conferenza della American Economic Association nel 2002 in cui la Goldin sottolinea come l’aumento della partecipazione femminile al mercato del lavoro abbia rappresentato il cambiamento più significativo dell’ultimo secolo., e sostiene che le scelte lavorative delle donne abbiano giocato un ruolo fondamentale per lo sviluppo dell’economia del lavoro: proprio lo studio e l’analisi dei comportamenti delle donne lungo il ciclo di vita e con un approccio storico ha permesso di sviluppare le teorie di offerta di lavoro che si insegnano ancora oggi nei corsi universitari.

 

L'economia del lavoro e la categoria morale dell'avidità

Claudia Goldin ha mostrato quanti profili lavorativi siano stati associabili alla categoria morale dell'"avidità". In questo quadro, l'economista di Harvard ha coniato il termine “lavoro avido” per descrivere occupazioni che ricompensano sproporzionatamente lunghe ore in ufficio o limitata autonomia, penalizzando così le donne che si vedono cos' costrette ad adattarsi, loro malgrado, a lavori più flessibili. Una penalizzazione de facto che ha perpetuato le disparità tra donne e uomini. 

 

Il mercato del lavoro e le discriminazioni ai danni delle donne

Le leggi antidiscriminatorie e i manager imparziali, per quanto preziosi, non sono stati e non sono sufficienti.  Sul tema, Claudia Goldin, insieme a Cecilia Rouse, ha scritto nel 2000 sull'American Economic Review uno dei pochi articoli empirici che riesce a quantificare questo fenomeno: “Orchestrating impartiality: The impact of “blind” auditions on female musicians”. L'articolo esamina le evidenze desunte dall'assunzione di musicisti professionisti nelle orchestre sinfoniche americane, rimarcando una decisiva svolta nelle procedure di selezione delle/i candidate/i.  Goldin e Roose hanno dimostrato come l'introduzione di audizioni “al buio”, dietro ad un paravento,  per l'assunzione nelle orchestre sinfoniche americane ha riequilibrato l'accesso di genere alle stesse, apparso discriminatorio fino a quando le selezioni sono state svolte, fino agli anni settanta, di fronte ad una giuria.

 

Le donne e il lavoro nel ventunesimo secolo

La ricerca della Goldin ha presupposto che una serie di cambiamenti negli assetti dell’economia globale, nell’organizzazione dei processi di lavoro e nei sistemi di welfare e protezione sociale hanno guidato un’accelerazione nella richiesta di forza lavoro più disponibile, temporanea e meno costosa per le imprese.  Nelle pagine dedicate ai tempi più recenti del suo “Understanding the Gender Gap: An Economic History of American Women” la Goldin,  ha tracciato l’identikit del lavoratore degli ultimi decenni segnalando che effettivamente presenta molti tratti che si suppone e si vuole siano femminili, al punto che la crescita dell’occupazione delle donne viene letta come il risultato di una domanda di lavoro che si orienterebbe sempre più verso prerogative femminili.

 

Gli studi più recenti

L'ultimo libro di Claudia Goldin, "Career and Family: Women's Century-Long Journey toward Equity" edito nel 2021, è un’ampia panoramica sui progressi compiuti dalle donne con istruzione universitaria nella carriera, ma anche sui ritardi nella condivisione dei compiti di cura di casa e figli all’interno delle coppie.

Career and Family è considerato una summa dei cambiamenti fondamentali da apportare al modo in cui lavoriamo e come diamo valore all’assistenza se vogliamo raggiungere l’uguaglianza di genere e l’equità di coppia.

 

Antonio De Chiara @euroeconomie.it


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder