instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Rimani aggiornato su tutte le news di euroeconomie.it

[27/02/2024 13:34] Lagarde: la politica compia ulteriori passi per l'integrazione europea Euroeconomie [24/02/2024 17:28] Draghi all'Ecofin: "servono ingenti risorse per la doppia transizione, la difesa e i nostri modelli di coesione sociale” Euroeconomie [24/02/2024 08:27] Eurogruppo: le reazioni all'appello francese sull'Unione del mercato dei capitali Euroeconomie [24/02/2024 08:14] Eurogruppo: appello di Le Maire per l'unione del mercato dei capitali Euroeconomie [19/02/2024 13:54] Commissione Ue: la presidente Von der Leyen si candida per un secondo mandato Euroeconomie [17/02/2024 13:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona Euroeconomie [14/02/2024 23:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti Euroeconomie [12/02/2024 17:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo Euroeconomie [12/02/2024 16:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale Euroeconomie [12/02/2024 15:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex Euroeconomie [10/02/2024 23:12] Al via l'ultimo trilogo tra Parlamento,Consiglio e Commissione sul Patto di stabilità Euroeconomie [10/02/2024 14:18] Gentiloni a Washington discute di economia con Yellen e Powell. In visita anche a Brookings e in conferenza ad Harvard Euroeconomie [06/02/2024 20:05] Torna in Europa la presidenza del G7. L'Italia sotto i riflettori dei grandi del mondo Euroeconomie [06/02/2024 19:19] Attal incontra Scholz. Industria, energia, commercio e difesa al centro del bilaterale franco-tedesco Euroeconomie [02/02/2024 16:04] Protesta a Bruxelles degli agricoltori europei. La transizione ecologica è però la soluzione non il problema Euroeconomie [02/02/2024 14:25] 50 miliardi in quattro anni all'Ucraina. Decisione unanime al Consiglio europeo straordinario Euroeconomie [30/01/2024 18:52] Eurozona: il Pil crescerà dello 0,9% nel 2024 secondo il Fondo monetario Euroeconomie [26/01/2024 06:53] La Bce lascia i tassi invariati Euroeconomie [24/01/2024 13:26] Gentiloni: il successo di InvestEU incoraggia altri investimenti nelle industrie strategiche europee Euroeconomie [22/01/2024 14:21] Berlino, Parigi e Roma spingono per protezione militare delle navi mercantili nel Mar Rosso Euroeconomie [13/01/2024 18:02] Jacques Delors. L'idea e la visione di un'Europa sociale. Conversazione con Antonio Foccillo Euroeconomie [13/01/2024 12:08] Salario minimo: adozione ed evoluzione in Europa meridionale. Il caso spagnolo e italiano. Euroeconomie [10/01/2024 12:06] Eurozona: cresce la fiducia nelle prospettive economiche Euroeconomie [10/01/2024 12:00] Accordo nell'Ue per il nuovo Patto di stabilità Euroeconomie [10/12/2023 19:22] Sul nuovo Patto di stabilità intesa rimandata. Serve accordo entro fine 2023 Euroeconomie [27/11/2023 11:47] Riforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la proposta Euroeconomie [12/11/2023 12:03] Patto di Stabilità: più fiducia in un accordo di riforma dall'Ecofin Euroeconomie [12/11/2023 09:54] L'Eurogruppo riunito l'8 novembre. Si approssima la scadenza della sospensione del Patto di Stabilità Euroeconomie [07/11/2023 06:50] Gentiloni: riformare il Patto di Stabilità preservando spazio nei bilanci nazionali per gli investimenti pubblici Euroeconomie [02/11/2023 11:05] Dopo la Bce anche la Fed lascia i tassi invariati Euroeconomie [28/10/2023 08:30] Il Consiglio europeo del 26 e 27 ottobre Euroeconomie [27/10/2023 16:02] La Bce lascia i tassi invariati dopo 10 rialzi consecutivi Euroeconomie [22/10/2023 13:55] Usa-Ue: incontro a Washington su conflitti, aiuti economici e dazi. Euroeconomie [18/10/2023 08:15] Energia Ue: i ministri approvano una nuova riforma del mercato Euroeconomie [16/10/2023 20:25] Eurogruppo: si punta a riformare il patto di stabilità entro fine anno Euroeconomie
euroeconomie4

Von der Leyen esalta la forza del sistema produttivo europeo nel discorso sullo Stato dell'Unione

13/09/2023 13:44

Euroeconomie

Euroeconomie, Von der Leyen, Commissione europea, soteu 2023, 13 settembre 2023,

Von der Leyen esalta la forza del sistema produttivo europeo nel discorso sullo Stato dell'Unione

Mercoledi 13 settembre la presidente della Commissione UE ha tenuto a Strasburgo il tradizionale SOTEU

Mercoledi 13 settembre la presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen ha tenuto a Strasburgo il tradizionale State of the Union address (SOTEU), il discorso sullo stato dell’Unione Europea, di fronte all’emiciclo del Parlamento con i deputati europei riuniti in plenaria. 

 

I TEMI ECONOMICI

La competitività del sistema produttivo dell’Unione : “La nostra industria e le aziende tecnologiche amano la concorrenza. Sanno che la concorrenza globale fa bene alle imprese e che crea e protegge buoni posti di lavoro qui in Europa. Ma la concorrenza è vera solo se è equa. Troppo spesso le nostre aziende sono escluse dai mercati esteri o sono vittime di pratiche predatorie, e spesso sono sottoquotate da concorrenti che beneficiano di enormi sussidi statali. Non abbiamo dimenticato come le pratiche commerciali sleali della Cina abbiano colpito la nostra industria solare. Prendiamo il settore dei veicoli elettrici. è un settore cruciale per l’economia pulita, con un enorme potenziale per l’Europa. Ma i mercati globali sono ora invasi da auto elettriche cinesi più economiche, e il loro prezzo è tenuto artificialmente basso da enormi sussidi statali. Questo distorce il nostro mercato”, ha dichiarato Von der Leyen. Sono tre le sfide – lavoro, inflazione e contesto imprenditoriale – che si devono affrontare in una fase in cui la Commissione chiede anche all’industria di guidare la transizione pulita. “Dobbiamo quindi guardare più avanti e definire come rimanere competitivi mentre lo facciamo. Per questo motivo ho chiesto a Mario Draghi di preparare un rapporto sull’argomento il futuro della competitività europea. Perché l’Europa farà “what ever it takes” per mantenere il suo vantaggio competitivo”.

La sfida delle materie prime: “Non abbiamo dimenticato come Putin abbia usato deliberatamente il gas come arma” e “in noi ha creato la paura di una crisi energetica, ma ce l’abbiamo fatta perché siamo rimasti uniti e abbiamo approfittato della crisi per investire massicciamente nelle energie rinnovabili”, così la presidente Von Der Leyen 

 

LE SFIDE POLITICHE

L'UE resta saldamente al fianco dell’Ucraina: Von Der Leyen ha richiamato nel discorso la coerenza della posizione dell’Unione Europea al fianco dell’Ucraina. “Saremo al fianco dell’Ucraina in ogni momento, per tutto il tempo necessario”, ha dichiarato ed ha inoltre annunciato ”che la Commissione proporrà di estendere la nostra protezione temporanea agli ucraini nell’UE”. Significativi i toni in conclusione del capitolo ucraino: “Questa è l’Europa che ha risposto all’appello della storia. Questo Parlamento lo ha detto ad alta voce: il futuro dell’Ucraina è nella nostra Unione. Il futuro dei Balcani occidentali è nella nostra Unione. Il futuro della Moldavia è nella nostra Unione. E so quanto sia importante la prospettiva dell’UE per tante persone in Georgia.”

Un nuovo patto migratorio è necessario: “Ogni giorno vediamo che i conflitti, i cambiamenti climatici e l’instabilità spingono le persone a cercare rifugio altrove.  Sono sempre stato convinta che la migrazione debba essere gestita. Occorre resistenza e un lavoro paziente con i partner principali. E ha bisogno di unità all’interno della nostra Unione. Questo è lo spirito del Nuovo Patto sulla Migrazione e l’Asilo. Quando siamo entrati in carica, sembrava che non ci fosse alcun compromesso possibile in vista. Ma con il Patto stiamo raggiungendo un nuovo equilibrio. Tra protezione dei confini e protezione delle persone. Tra sovranità e solidarietà. Tra sicurezza e umanità”, così Ursula von Der Leyen. Ed ancora: “Abbiamo bisogno di una nuova legislazione e di una nuova struttura di governance. Abbiamo bisogno [..] di un ruolo più importante per le nostre agenzie – Europol, Eurojust e Frontex. E dobbiamo lavorare con i nostri partner per affrontare questa piaga globale della tratta di esseri umani. Per questo motivo la Commissione organizzerà una conferenza internazionale sulla lotta al traffico di esseri umani."

Più democrazia e diritti nell'Unione: Von Der Leyen ha sottolineato l’importanza della tutela dei diritti democratici: “Un’Unione completa con oltre 500 milioni di persone che vivono in un’Unione libera, democratica e prospera. Un’Unione completa di giovani che possono vivere, studiare e lavorare in libertà. Un’Unione completa di democrazie vivaci in cui le magistrature sono indipendenti, le opposizioni sono rispettate e i giornalisti sono protetti. Perché lo Stato di diritto e i diritti fondamentali saranno sempre il fondamento della nostra Unione, negli Stati membri attuali e in quelli futuri.”

L’allargamento UE e la modifica dei Trattati: è necessario un nuovo allargamento europeo, con più di 27 stati rispetto agli attuali, ha sottolineato Von Der Leyen, “Non possiamo – e non dobbiamo – aspettare i cambiamenti dei Trattati per procedere con l’allargamento. L’adattamento dell’Unione all’allargamento può essere ottenuto più rapidamente. Ciò significa rispondere a domande pratiche sul funzionamento concreto di un’Unione di oltre 30 Paesi. E in particolare sulla nostra capacità di agire.”

 

LE CONCLUSIONI

Le considerazione finali: “I cittadini europei vogliono un’Unione che li difenda in un periodo di competizione tra grandi potenze. Ma anche un’Unione che li protegga e sia loro vicina, come partner e alleato nelle loro battaglie quotidiane. E noi ascolteremo la loro voce. Se è importante per gli europei, è importante per l’Europa. Ripensate alla visione e all’immaginazione della giovane generazione con cui ho iniziato il mio discorso. È il momento di dimostrare loro che possiamo costruire un continente in cui si può essere chi si è, amare chi si vuole e puntare in alto. Un continente riconciliato con la natura e all’avanguardia nelle nuove tecnologie. Un continente unito nella libertà e nella pace. Ancora una volta, questo è il momento per l’Europa di rispondere alla chiamata della storia. Viva l’Europa.”

 

desk @euroeconomie.it

 


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIE

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder