instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo[12/02/2024 15:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale[12/02/2024 14:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex[10/02/2024 22:12] Al via l'ultimo trilogo tra Parlamento,Consiglio e Commissione sul Patto di stabilità[10/02/2024 13:18] Gentiloni a Washington discute di economia con Yellen e Powell. In visita anche a Brookings e in conferenza ad Harvard[06/02/2024 19:05] Torna in Europa la presidenza del G7. L'Italia sotto i riflettori dei grandi del mondo[06/02/2024 18:19] Attal incontra Scholz. Industria, energia, commercio e difesa al centro del bilaterale franco-tedesco[02/02/2024 15:04] Protesta a Bruxelles degli agricoltori europei. La transizione ecologica è però la soluzione non il problema[02/02/2024 13:25] 50 miliardi in quattro anni all'Ucraina. Decisione unanime al Consiglio europeo straordinario[30/01/2024 17:52] Eurozona: il Pil crescerà dello 0,9% nel 2024 secondo il Fondo monetario
euroeconomie4

UE: trasparenza salariale ed equilibrio di genere nei CdA delle imprese

30/03/2022 19:34

Euroeconomie

Euroeconomies, Macros/Scenarios, Economic culture, euroeconomie, euroeconomia, Silvana Paruolo, parità di genere, uguaglianza e di parità di retribuzione, donne , lavoratrici,

UE: trasparenza salariale ed equilibrio di genere nei CdA delle imprese

Nel quadro della Strategia 2020-2025, novità in vista per la trasparenza salariale e l'equilibrio di genere nei CdA - di Silvana Paruolo

I principi di uguaglianza e di parità di retribuzione sono già nel Trattato istitutivo della CEE. Tuttavia la parità di genere resta – tuttora – un'opera incompiuta. E nell'accesso alle alte cariche nel mondo del lavoro permane l'invalicabile “soffitto di cristallo”. Essendo la disparità di genere il prodotto di una struttura sociale e di una cultura patriarcale radicata, di certo, serve anche un cambiamento di mentalità, cultura e costume. Quindi, le leggi da sole non bastano. Ma ciò non significa che gli interventi legislativi non abbiano alcun effetto (anche se andrebbero risolte tutte le altre cause dei divari di genere, quali la minore partecipazione delle donne al mercato del lavoro, il maggior ricorso al lavoro parziale e alle interruzioni di carriera, la segregazione verticale e orizzontale basata su stereotipi e discriminazioni, il lavoro invisibile e non retribuito e la carenza di servizi e asili nido, ecc.).
A livello europeo, attualmente, si sta lavorando all'attuazione della Strategia 2020-2025.
Novità vanno ora delineandosi per la trasparenza salariale, e l'equilibrio di genere nei Consigli di amministrazione.
 

I. Trasparenza salariale – Nel corso delle consultazioni delle parti sociali, la
Confederazione europea dei sindacati ha contestato, in particolare, la soglia di 250 dipendenti considerata troppo elevata; la possibilità lasciata alle aziende di definire le tipologie di lavoro comparabili in termini di parità di retribuzione per un lavoro di pari valore; e il riferimento, nel testo, ai soli rappresentanti del personale e non ai sindacati.
Il 17 marzo 2022, la Commissione per i diritti della donna e la Commissione per l’occupazione del Parlamento europeo (con 71 voti favorevoli e 20 contrari) hanno poi adottato una Posizione - sulla “Proposta di direttiva volta a rafforzare la trasparenza salariale nelle aziende per combattere la discriminazione salariale”. Durante la sessione plenaria del 4-7 aprile 2022, il Parlamento europeo dovrebbe votarla, per consentire l’avvio dei negoziati con il Consiglio dell’Unione Europea che ha adottato una propria Posizione lo scorso dicembre.
Gli eurodeputati hanno esteso l'obbligo di una Relazione sul divario salariale alle aziende con oltre 50 dipendenti, anziché 250 come proposto dalla Commissione. La definizione di questa soglia è di certo uno dei nodi da sciogliere nel prossimo negoziato tra PE e Consiglio. Alcuni Stati membri considerano la soglia di 250 lavoratori come una linea rossa al di sotto della quale non è possibile scendere.
Diverse organizzazioni imprenditoriali settoriali a livello europeo hanno già contestato l'ipotesi di abbassamento di questa soglia, in un momento in cui l'economia europea sta appena ripartendo dopo lo shock della crisi da Covid-19 e si trova ad affrontare le conseguenze della guerra in Ucraina. Inoltre, la proposta della Commissione - a meno che il datore di lavoro non giustifichi una differenza media nei livelli retributivi superiore al 5%, con fattori oggettivi e non collegati al genere - prevede una valutazione congiunta con i rappresentanti dei lavoratori. I parlamentari europei propongono di abbassare tale soglia al 2,5%. E intendono vietare le clausole contrattuali che impediscono ai lavoratori di divulgare informazioni relative alle retribuzioni: cioé di cercare informazioni sulla loro categoria o su altre categorie di lavoratori.
Resta da vedere quale sarà il risultato del negoziato.
 

II. Miglioramento dell'equilibrio di genere nei Cda delle imprese – Per l'opposizione di più Paesi membri, fra cui la Germania, i Paesi scandinavi, e i paesi Baltici, la proposta di direttiva del 2012 (che proponeva una presenza minima del 40% d donne nelle società quotate in borsa e del 33% per le società più piccole, ad eccezione delle p.m.i.) si è arenata. Attualmente, poiché nel corso degli ultimi 10 anni molte cose si sono mosse, e c'è
maggiore consapevolezza, la sua adozione figura tra le priorità del Programma di lavoro della Presidenza francese del Consiglio. In Francia, nei CdA delle grandi società quotate in borsa, le donne rappresentano il 45% contro una media UE del 30%. In Italia - oggi - grazie a un emendamento che ha rafforzato la legge Golfo-Mosca le donne hanno accresciuto le loro posizioni di vertice, raggiungendo il 40% dei componenti nei Consigli di amministrazione nazionali rispetto al 7% del 2011. E il nuovo governo semaforo tedesco – composto per metà da donne – ha già espresso maggiore sensibilità sulle questioni di genere.
In questo contesto, a livello UE, il 14 marzo 2022 - dopo 10 anni di stallo - il Consiglio ha adottato la sua Posizione a favore della “Proposta di direttiva riguardante il miglioramento dell'equilibrio di genere fra gli amministratori senza incarichi esecutivi delle società quotate in Borsa e relative misure”. Il testo ha ricevuto il sostegno della maggior parte degli Stati membri. L'obiettivo è migliorare concretamente l'equilibrio di genere nei Cda delle imprese operanti in tutti i settori produttivi, stabilendo – per le aziende - un obiettivo quantitativo per la quota di membri del sesso sottorappresentato nei Consigli di amministrazione delle aziende quotate. Da qui due possibili obiettivi:
    - raggiungere il 40% di donne tra gli Amministratori senza incarichi         esecutivi,   

     -  o raggiungere il 33% di donne nei Consigli d’amministrazione.
Qualora questi obiettivi non fossero raggiunti, la società sarà tenuta ad effettuare nomine o elezioni di Amministratori introducendo, nelle procedure di selezione per tali posti, criteri chiari, univoci e formulati in modo neutro.
Nella sua plenaria del prossimo 4-7 aprile 2022, il Parlamento europeo (come già la sua Commissione per i Diritti delle donne e l'uguaglianza di genere e la sua Commissione giuridica) dovrebbe dare l'ok per avviare al più presto i negoziati con il Consiglio, per tentare di adottare il testo sotto l'attuale presidenza francese dell'UE.

 

Silvana Paruolo per le rubriche Macro/Scenari e Cultura Economica di di @euroeconomie 


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder