instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo[12/02/2024 15:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale[12/02/2024 14:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex[10/02/2024 22:12] Al via l'ultimo trilogo tra Parlamento,Consiglio e Commissione sul Patto di stabilità[10/02/2024 13:18] Gentiloni a Washington discute di economia con Yellen e Powell. In visita anche a Brookings e in conferenza ad Harvard[06/02/2024 19:05] Torna in Europa la presidenza del G7. L'Italia sotto i riflettori dei grandi del mondo[06/02/2024 18:19] Attal incontra Scholz. Industria, energia, commercio e difesa al centro del bilaterale franco-tedesco[02/02/2024 15:04] Protesta a Bruxelles degli agricoltori europei. La transizione ecologica è però la soluzione non il problema[02/02/2024 13:25] 50 miliardi in quattro anni all'Ucraina. Decisione unanime al Consiglio europeo straordinario[30/01/2024 17:52] Eurozona: il Pil crescerà dello 0,9% nel 2024 secondo il Fondo monetario
euroeconomie4

La scomparsa di Robert Lucas, Nobel per l’economia, il più celebre critico delle politiche di stabilizzazio

16/05/2023 16:15

Euroeconomie

Euroeconomies, Economic culture, economisti , Neoliberismo, Robert J. Lucas, Robert Lucas, Lucas premio Nobel, la cricia di Lucas, Chicago, nobel per l'economia, econmomista americano,

La scomparsa di Robert Lucas, Nobel per l’economia, il più celebre critico delle politiche di stabilizzazione dopo Milton Friedman

Professore emerito dell'Università di Chicago, studioso di fama mondiale, ma anche bersaglio critico del campo avverso neokeynesiano.

E' scomparso all'età di 85 anni Robert Lucas, professore emerito dell'Università di Chicago, premio Nobel nel 1995 ed economista definito dall'autorevole collega Gregory Mankiv come "il macroeconomista più influente dell'ultimo quarto del XX secolo". 

Una fama che a Lucas è derivata dal suo ruolo di principale teorico della Nuova Macroeconomia Classica (NMC), grazie all'applicazione dell'ipotesi di aspettative razionali alla macroeconomia e alla negazione di ogni spazio alle politiche attive anche nel breve periodo. Un attacco frontale portato a teorie e politche macroeconomiche con aspettative adattive, da decenni propugnate da accademici e consiglieri governativi d'ispirazione keynesiana.   

Come dimostra il Nobel assegnatogli negli anni novanta, i suoi studi, passati sotto il nome di “critica di Lucas” all'approccio keynesiano, hanno lasciato una duratura eredità sul piano della teoria al punto da imporre fino agli anni Novanta del Novecento una nuova macroeconomia, diversa da quella degli anni Cinquanta e Sessanta del secolo breve. 

Secondo il professore di Chicago, gli operatori economici reagiscono in maniera intelligente (aspettative razionali) ai mutamenti nelle manovre di politica economica, per cui non è possibile manipolare la domanda aggregata e aumentare la produzione al di sopra del suo livello ‘naturale’. Partendo da una situazione di equilibrio non inflazionistico con prezzi perfettamente flessibili, a un aumento annunciato dell’offerta di moneta corrisponderà un’aspettativa di aumento dei prezzi che lascerà invariate le variabili reali. Per i teorici della NMC è difficile identificare gli shock a cui reagire senza provocare incertezze nel sistema economico; al contrario, il mantenimento di regole fiscali e monetarie fisse favorisce secondo Lucas e i suoi seguaci il corretto funzionamento dell’economia nel lungo periodo. Le politiche economiche propugnate dalla NMC sono state ovviamente “passive”, ben esemplificate dalla famosa regola di Milton Friedman di far cresce l'offerta di moneta a un tasso costante e annunciato in anticipo.

Si deve alla grande influenza delle teorie di Lucas e dei suoi seguaci come Thomas Sargent, la vigorosa reazione di una nuova generazione di studiosi keynesiani che va da Stiglitz a Yellen, Mankiv Romer, da John B. Taylor a Stanley Fischer e Olivier Blanchard. La risposta di questi studiosi della Nuova Macroeconomia Keynesiana (NEK) a Robert Lucas è l'uso delle microfondazioni per dimostrare che la vischiosità dei prezzi impedisce ai mercati di equilibrarsi. In tal modo l'equilibrio basato sulle aspettative razionali non ha bisogno di essere unico come asserisce la vulgata accademica della NMC convinta dell'inconsistenza della teoria economica keynesiana in funzione del concetto di aspettative razionali con le quali rifondare un unico equilibrio di pieno impiego. 

Laddove la sintesi neoclassica keynesiana degli anni Cinquanta e e Sessanta sperava che la politica fiscale e monetaria potessero approssimare al pieno impiego una intera economia, la NMC asseriva invece che gli aggiustamenti nei prezzi e nei salari avrebbero automaticamente raggiunto quest'obiettivo nel breve periodo. Al contrario la NEK considera il pieno impiego automaticamente raggiunto solo nel lungo periodo, poiché i prezzi sono vischiosi nel periodo breve. Le politiche del governo e della banca centrale sono per la NEK necessarie perché i tempi per giungere al lungo periodo potrebbero essere molto dilatati.

Robert Lucas è stato sicuramente un precursore in accademia di un clima sociale più generale maturato nei Paesi anglosassoni e dispegatosi negli anni Ottanta del Novecento. Un clima d'insofferenza alle soluzioni dello stato in economia - giudicati inefficaci e invasivi da larghi strati dell'opinione pubblica, complici media in balia di grandi potentati e conglomerati finanziari - vanto invece delle politiche di demand management dei democratici americani o dei laburisti e delle sinistre europee. Saranno Thatcher e Reagan i primi a capitalizare questo malcontento e ottenere largo consenso elettorale, con politiche ispirate alla critica di Lucas ai keynesiani. Una scia lunga, secondo molti estesa fino alla crisi del 2008-2009 quando per tanti consiglieri economici, lo Stato forte tornò necessario smentendo le presunte virtù di quello minimo dei manuali di macroeconomia che in Robert Lucas, come prima in Milton Friedman, avevano avuto riferimenti certi e di alta teoria.

 

Antonio De Chiara @euroeconomie.it

 


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder