instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Rimani aggiornato su tutte le news di euroeconomie.it

[07/02/2023 14:09] La Bce alza i tassi di 50 punti. Pronto un altro aumento di mezzo punto anche a marzo Euroeconomie [02/02/2023 16:31] Il 38° meeting della European Economic Association si terrà a Barcellona a fine agosto 2023 Euroeconomie [02/02/2023 15:24] Ci lascia Luigi Pasinetti, economista di fama mondiale Euroeconomie [30/01/2023 15:10] La transizione possibile. Policies energetiche ed ecologiche della Regione Lazio. Conversazione con l'assessore Valeriani Euroeconomie [18/01/2023 14:46] Von der Leyen a Davos : risposta UE all'Inflation Reduction Act degli USA Euroeconomie [18/01/2023 13:39] Il nuovo vicepresidente del Parlamento europeo è Marc Angel Euroeconomie [12/01/2023 12:25] Bce, piorità alla lotta all'inflazione con meno recessione possibile Euroeconomie [11/01/2023 14:23] Prima riunione della piattaforma Ue per la migrazione dei lavoratori Euroeconomie [09/01/2023 13:49] Eurozona, Tasso disoccupazione in novembre a +6,5% Euroeconomie [27/12/2022 12:52] Buone Feste ! Euroeconomie [20/12/2022 12:12] Gas: dal 15 febbraio price-cap Ue a 189 euro a megawattora Euroeconomie [15/12/2022 16:55] L'ultimo Consiglio europeo del 2022 Euroeconomie [15/12/2022 15:24] Bce come la Fed: i tassi dell'eurozona rialzati di 50 punti base Euroeconomie [15/12/2022 15:10] Germania: nel 2023 maxi-emissione di titoli federali per 539 miliardi di euro Euroeconomie [15/12/2022 14:09] La Fed rallenta il rialzo dei tassi. Ora tocca alla Bce Euroeconomie [14/12/2022 15:01] Il Qatargate scuote il Parlamento europeo. Arrestata la vicepresidente Kaili Euroeconomie [14/12/2022 12:49] Gas: nell'Ue ancora in cerca di un accordo sul price cap Euroeconomie [07/12/2022 14:49] Stallo all'Ecofin su fondi all'Ucraina, price cap e minimum tax Euroeconomie [05/12/2022 19:15] L'Eurogruppo di dicembre valuta bilanci e manovre degli Stati membri Euroeconomie [05/12/2022 18:15] Gaetano Sateriale si unisce al Board di Euroeconomie Euroeconomie [01/12/2022 15:12] Proposta della Commissione: congelare 7,5 miliardi all'Ungheria se continua a violare lo Stato di diritto Euroeconomie [28/11/2022 19:23] Lagarde: l'inflazione nell'eurozona non ha ancora raggiunto l'apice Euroeconomie [24/11/2022 17:51] Francia e Germania: sussidi all'industria Usa svantaggiano automotive europeo Euroeconomie [24/11/2022 15:13] Gas, price cap: Commissione propone 275 euro a megawattora. Il Consiglio rinvia la decisione Euroeconomie [22/11/2022 12:02] Un europeo, l'italiano Luca Visentini, alla guida di ITUC, la confederazione sindacale mondiale Euroeconomie [14/11/2022 15:01] Stato, imprese e risorse pubbliche: il caso italiano. Intervista a Carlo Clericetti Euroeconomie [14/11/2022 13:14] Le previsioni economiche d'autunno della Commissione europea Euroeconomie [14/11/2022 12:54] Patto di Stabilità, la Commissione europea propone le nuove regole Euroeconomie [14/11/2022 12:35] Il rapporto capitale/debito, le disuguaglianze e i rischi di deterioramento delle democrazie Euroeconomie [09/11/2022 12:53] Ecofin : preoccupazione sull'Inflation Reduction Act Usa. Approvate le regole su Basilea 3 Euroeconomie [07/11/2022 14:21] Il protagonismo europeo delle imprese cooperative: intervista al professor Menzani sul caso italiano Euroeconomie [28/10/2022 11:56] Bce alza i tassi di interesse di 75 punti base Euroeconomie [25/10/2022 13:24] Rishi Sunak è il nuovo Primo Ministro del Regno Unito Euroeconomie [21/10/2022 15:40] Consiglio europeo : accordo su un pacchetto di interventi per contrastare la crisi energetica Euroeconomie [21/10/2022 12:12] Regno Unito: aperta la successione a Liz Truss, premier dimissionaria Euroeconomie
euroeconomie4

Dal Consglio Ue sull'energia sia misure urgenti che strutturali

01/09/2022 14:42

Euroeconomie

Euroeconomie, Von der Leyen, Germania, unione europea, russia, Draghi , Consiglio Ue strodinatio dei ministri dell'energia, 9 settembre 2022, prezzo gas, Italia , gas russo,

Dal Consglio Ue sull'energia sia misure urgenti che strutturali

Un piano per mettere un freno all’impennata del costo dell’energia in Europa. Ad annunciarlo la presidente della Commissione Ue Von der Leyen.

Un piano per mettere un freno all’impennata del costo dell’energia in Europa. Ad annunciarlo la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, intervenendo al Forum Bled in Slovenia.

 

Von der Leyen: Consgilio straordinario, misure urgenti e riforma strutturale

La Presidente Von der Leyen ha dichiarato: “I prezzi dell’elettricità alle stelle stanno ora mettendo in evidenza, per diversi motivi, i limiti del nostro attuale disegno del mercato elettrico” che “è stato sviluppato in circostanze completamente diverse e per scopi completamente diversi. Ecco perché ora stiamo lavorando a un intervento di emergenza e a una riforma strutturale del mercato dell’energia elettrica”.

Di questro si parlerà al Consiglio Ue straordinario dei ministri dell’Energia convocato per il prossimo 9 settembre a Bruxelles.

 

Segnali di apertura dalla Germania

Si registrano novità dalla Germania. Un messaggino ai colleghi europei da parte del ministro dell’Ambiente tedesco Habeck, contempla la disponibilità di Berlino a discutere, il prossimo 9 settembre a Bruxelles anche del price cap del gas, così come della possibilità di slegare il prezzo dell’elettricità da rinnovabili da quello record del gas.

La crisi del gas russo ha comunque cambiato i piani di approviggionamento eneregeticoo della Germania che aveva stabilito di abbandonare progressivamente il carbone entro il 2038 nell’ambito della lotta ai cambiamenti climatici.

Una nuova direttiva del 14 luglio, permette ora di riattivare In Germani le centrali già chiuse. Ai primi di agosto è stato riaperto l’impianto Mehrum a Hohenhameln, in Bassa Sassonia e da fine agosto Berlino ha riattivato un’altra grande centrale a carbone, l’impianto di Heyden a Petershagen, nel land occidentale del Nord Reno Westfalia. Altre centrali a carbone verranno gradualmente riattivate

 

le proposte italiane

La notizia del messaggio del ministro tedesco è rimbalzata In Italia e il Governo, appresa la notizia dell'apertura tedesca sulla questione gas, ha tenuta una riunione dei ministri più interessati al dossier. Non sono stati comunque resi i noti gli esitti della riunione e sui media si parla di un Draghi che si muoverà con prudenza fino al Consiglio straordinario del 9 settembre.

 

Prepararsi in tempo al peggio

“Dobbiamo prepararci a una potenziale interruzione totale del gas russo”, ha ribadito Von der Leyen, ricordando quanto fatto finora. “Stiamo diversificando i nostri fornitori alla velocità della luce: la fornitura di gas da fonti diverse dalla Russia è aumentata di 31 miliardi di metri cubi da gennaio di quest’anno e questo compensa i tagli russi. Stiamo anche riducendo in modo sostanziale il nostro fabbisogno di gas importato e per questo abbiamo chiesto agli Stati membri di ridurre il consumo di gas del 15%”. Per cui, precisa la Presidente della Commissione Ue, occorre “porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili russi è solo il primo passo. L’aumento vertiginoso dei prezzi dell’elettricità sta mettendo a nudo i limiti dell’attuale struttura del mercato elettrico, che è stato sviluppato per circostanze diverse. Per questo stiamo lavorando a un intervento di emergenza e a una riforma strutturale del mercato dell’elettricità”.

 

In cerca di soluzioni strutturali

Nelle dichiarazioni pubbliche della Presdeinte della Commissione sono riscontrabili due novità sostanziali che si riflettono nelle strategie - per ridurre i consumi, calmierare i prezzi e non dipendere più da Mosca - su due fronti d'intervento :

1) la richiesta agli Stati membri di ridurre il consumo di gas del 15% e di conservarlo nello stoccaggio: in questo modo si possono risparmiare fino a 45 miliardi di metri cubi di gas naturale. Su questa strada potrebbe essere percorribile anche la prospettiva concreta del tetto al prezzo del gas, da tempo propugnato dal Governo italiano.

2) la separarazione dei prezzi del gas da quelli dell’elettricità. La formazione del prezzo dell’energia elettrica con meccanismi autonomi, renderebbe più agevole la gestione del mercato in vista di una crescita, da accellerare il più possibile nei Paesi membri,  della quota di energia europea derivante da rinnovabili.

 

board @euroeconomie


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2022 EUROECONOMIE

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

Come creare un sito web con Flazio