instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Rimani aggiornato su tutte le news di euroeconomie.it

[28/09/2022 12:26] Gas: sulle forniture un Price Cap Ue. Lo richiedono con una lettera 15 Stati su 27. Euroeconomie [27/09/2022 13:20] Le elezioni politiche in Italia. I risultati Euroeconomie [12/09/2022 14:23] Il rialzo dei tassi della Bce e i rischi di stagnazione Euroeconomie [12/09/2022 13:29] Europa, rinascita del welfare e nuovi legami sociali Euroeconomie [07/09/2022 10:04] Ci ha lasciati Salvatore Biasco. il cordoglio del nostro Board Euroeconomie [06/09/2022 12:46] Accordo franco-tedesco: gas dalla Francia alla Germania. Berlino ricambia con energia elettrica. Euroeconomie [06/09/2022 11:27] Liz Truss è la nuova premier della Gran Bretagna Euroeconomie [01/09/2022 13:42] Dal Consglio Ue sull'energia sia misure urgenti che strutturali Euroeconomie [01/09/2022 12:39] Mercati del lavoro: effetti benefici delle politiche pubbliche di sostegno in Italia e in Spagna Euroeconomie [26/08/2022 17:34] Riunione urgente dei ministri dell'Energia da convocare per affrontare l'emergenza gas Euroeconomie [22/08/2022 10:46] Gentiloni: "Ora bisogna accelerare sul Pnrr, non ricominciare da zero" Euroeconomie [20/08/2022 18:18] Nuovo record dell'inflazione nell'Eurozona: + 8.9% a luglio Euroeconomie [08/08/2022 18:12] TPI, il nuovo strumento anti-spread della Bce Euroeconomie [08/08/2022 04:36] La riforma del Patto di Stabilità secondo Lindner, ministro delle finanze tedesco Euroeconomie [30/07/2022 15:18] Eurostat: tenuta della crescita ma nuovo record dell'inflazione nell'Eurozona Euroeconomie [21/07/2022 07:03] Italia: il governo Draghi senza più maggioranza in Parlamento Euroeconomie [13/07/2022 11:58] Il primo Ecofin del semestre a presidenza ceca Euroeconomie [03/07/2022 16:33] Inflazione record nell'Eurozona : a giugno l'indice dei prezzi salgono dell'8,6% Euroeconomie [26/06/2022 19:15] Energia, inflazione e aiuti all'Ucraina, i temi al centro dei lavori del Consiglio europeo e del G7 Euroeconomie [20/06/2022 07:30] I risultati delle elezioni legislative in Francia. Le prime proiezioni Euroeconomie [16/06/2022 17:26] Cultura, Europa, sostenibilità nell'umanesimo industriale. Dialogo con Antonio Calabrò Euroeconomie [11/06/2022 20:54] Costo del denaro più alto: in rialzo i tassi Bce, a luglio e settembre 2022 Euroeconomie [11/06/2022 08:56] L'Unione europea e la Global Minimum Tax Euroeconomie [08/06/2022 08:05] Salari minimi adeguati in tutta l'Unione europea Euroeconomie [02/06/2022 20:21] Dal Consiglio europeo al sesto pacchetto di sanzioni Euroeconomie [24/05/2022 16:30] Commissione UE: iI Patto di stabilità e crescita resta sospeso anche nel 2023 Euroeconomie [22/05/2022 11:49] BCE: il rapporto sulla politica macroprudenziale e la stabilità finanziaria Euroeconomie [21/05/2022 12:50] I progressi della ricerca scientifica innovativa nelle aree UE in ritardo di sviluppo Euroeconomie [21/05/2022 10:21] Transizione ecologica e Sviluppo economico nell'UE Euroeconomie [21/05/2022 10:07] La strategia REPowerEU della Commissione europea Euroeconomie [21/05/2022 10:01] Macron auspica la creazione di una Comunità politica europea Euroeconomie [21/05/2022 09:02] Parlamento UE: sospensione, per un anno, dei dazi doganali sulle importazioni di prodotti ucraini Euroeconomie [21/05/2022 08:24] In Francia al via il governo Borne: Le Maire confermato all'Economia Euroeconomie [18/05/2022 06:06] Contrattazione, sviluppo e sostenibilità sociale Euroeconomie [10/05/2022 08:17] L'Unione Europea con una serie di iniziative istituzionali ha celebrato il 9 maggio la giornata dell'Europa Euroeconomie
euroeconomie4

La riforma del Patto di Stabilità secondo Lindner, ministro delle finanze tedesco

08/08/2022 04:36

Euroeconomie

Euroeconomie, Patto di Stbilità e Crescita europeo, euroeconomie, euroeconomia, Christian Lindner, gentiloni, riduzione del debito,

La riforma del Patto di Stabilità secondo Lindner, ministro delle finanze tedesco

di Antonio de Chiara -Anche in Germania si dibatte su una revisione nel Patto del ritmo di riduzione del debito nei Paesi membri

La proposta della Commissione europea sulla riforma del Patto di Stabilità e crescita Ue:è, come noto,  attesa dopo l'estate.

Nel dibattitto che ha finora registrato diverse interviste dei media europei al Commissario agli affari economici Ue Gentilioni, è intervenuto, nel corso di una intervista ai primi di agosto su Handesblatt, Il ministro delle Finanze tedesco, Christian Lindner, leader dei liberali della Fdp e noto per aver sostenuto nella campagna elettorale delle politiche tedesche del 2021 posizioni rigoriste in tema di debiti pubblici degli Stati membri.

Nell'intervista Lindner ha ribadito il suo categorico 'no' alla modifica delle "pietre miliari" del trattato di Maastricht che fissano al 3% il limite del deficit annuo e al 60% il tetto del rapporto debit/Pil. Cambiarle "sarebbe il messaggio sbagliato", ha sottolineato Lindner. lanciato la sua proposta per la riforma del Patto di Stabilità e crescita Ue: rendere vincolante il percorso di riduzione del debito verso l'obiettivo di bilancio a medio termine, ma rinunciare alla regola del ventesimo. Senza toccare i parametri di Maastricht. "Sostengo regole" sul debito "più vincolanti, ma in modo realistico",  in cambio di "rinunciare alla regola che impone ai Paesi di ridurre il loro debito in eccesso di un ventesimo all'anno", un requisito che "è stato superato dalla realtà".

"La Germania resta una sostenitrice della politica di stabilità", ha sottolineato il leader del partito liberale tedesco (Fdp), che nella lunga intervista ha ribadito la necessità di non modificare le "pietre miliari" del trattato di Maastricht che fissano al 3% il limite del deficit annuo e al 60% il tetto del rapporto debit/Pil. Cambiarle "sarebbe il messaggio sbagliato", ha evidenziato.

Il margine d'azione per la riforma è, invece, nella traiettoria e il ritmo di riduzione del debito. "Qui consiglio il realismo", ha sottolineato Lindner, indicando che "i rapporti di indebitamento post-pandemia sono così elevati che" il requisito di riduzione di un ventesimo all'anno "travolgerebbe oggettivamente alcuni Paesi".

Sarebbe però necessario, secondo quanto dice Lindner, rendere obbligatorio il rispetto degli obiettivi di bilancio a medio termine. Sulla base di questo principio, ai Paesi membri dovrebbe essere consentito di realizzare "un disavanzo strutturale annuo massimo dello 0,5% del Pil o, quantomeno, di avvicinarsi a questo obiettivo per gradi".

Nei riguardi di un Paese che dovesse contravvenire alla percentuale del Pil di disavanzo strutturale, la Commissione potrebbe aprire una "procedura per disavanzi eccessivi", prevedendo sanzioni.

 

Un nodo gordiano dell'Unione, sospeso con la pandemia

Il patto di stabilità e crescita (PSC) è un accordo internazionale, stipulato e sottoscritto nel 1997 dagli Stati membri dell'Unione europea, inerente al controllo delle rispettive politiche di bilancio pubbliche, al fine di mantenere fermi i requisiti di adesione all'Unione economica e monetaria dell'Unione europea (Eurozona) ovvero rafforzare il percorso d'integrazione monetaria intrapreso nel 1992 con la sottoscrizione del trattato di Maastricht. Le regole di applicazione del PSC sono state modificate nel 2011 con l'adozione del c.d. Six Pack e l'introduzione del semestre europeo.

Con il sopraggiungere della recessione causata dai lockdown perato  evitare il contagio da Covid-19, il PSC è stato sospeso (da marzo 2020) e dovrebbe essere reintrodotto, riformato su proposta della Commissione, solo a partire dal 2024.

Per quanto la Commissione abbia già segnalato la volontà di riformare il PSC in modo più favorevole alla crescita, prendendo ispirazione dalla Recovery and resilience facility, per essere operative le proposte devono essere adottate dal Consiglio.

 

Antonio De Chiara @euroeconomie


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2022 EUROECONOMIE

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

Come creare un sito web con Flazio