instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Rimani aggiornato su tutte le news di euroeconomie.it

[28/09/2022 12:26] Gas: sulle forniture un Price Cap Ue. Lo richiedono con una lettera 15 Stati su 27. Euroeconomie [27/09/2022 13:20] Le elezioni politiche in Italia. I risultati Euroeconomie [12/09/2022 14:23] Il rialzo dei tassi della Bce e i rischi di stagnazione Euroeconomie [12/09/2022 13:29] Europa, rinascita del welfare e nuovi legami sociali Euroeconomie [07/09/2022 10:04] Ci ha lasciati Salvatore Biasco. il cordoglio del nostro Board Euroeconomie [06/09/2022 12:46] Accordo franco-tedesco: gas dalla Francia alla Germania. Berlino ricambia con energia elettrica. Euroeconomie [06/09/2022 11:27] Liz Truss è la nuova premier della Gran Bretagna Euroeconomie [01/09/2022 13:42] Dal Consglio Ue sull'energia sia misure urgenti che strutturali Euroeconomie [01/09/2022 12:39] Mercati del lavoro: effetti benefici delle politiche pubbliche di sostegno in Italia e in Spagna Euroeconomie [26/08/2022 17:34] Riunione urgente dei ministri dell'Energia da convocare per affrontare l'emergenza gas Euroeconomie [22/08/2022 10:46] Gentiloni: "Ora bisogna accelerare sul Pnrr, non ricominciare da zero" Euroeconomie [20/08/2022 18:18] Nuovo record dell'inflazione nell'Eurozona: + 8.9% a luglio Euroeconomie [08/08/2022 18:12] TPI, il nuovo strumento anti-spread della Bce Euroeconomie [08/08/2022 04:36] La riforma del Patto di Stabilità secondo Lindner, ministro delle finanze tedesco Euroeconomie [30/07/2022 15:18] Eurostat: tenuta della crescita ma nuovo record dell'inflazione nell'Eurozona Euroeconomie [21/07/2022 07:03] Italia: il governo Draghi senza più maggioranza in Parlamento Euroeconomie [13/07/2022 11:58] Il primo Ecofin del semestre a presidenza ceca Euroeconomie [03/07/2022 16:33] Inflazione record nell'Eurozona : a giugno l'indice dei prezzi salgono dell'8,6% Euroeconomie [26/06/2022 19:15] Energia, inflazione e aiuti all'Ucraina, i temi al centro dei lavori del Consiglio europeo e del G7 Euroeconomie [20/06/2022 07:30] I risultati delle elezioni legislative in Francia. Le prime proiezioni Euroeconomie [16/06/2022 17:26] Cultura, Europa, sostenibilità nell'umanesimo industriale. Dialogo con Antonio Calabrò Euroeconomie [11/06/2022 20:54] Costo del denaro più alto: in rialzo i tassi Bce, a luglio e settembre 2022 Euroeconomie [11/06/2022 08:56] L'Unione europea e la Global Minimum Tax Euroeconomie [08/06/2022 08:05] Salari minimi adeguati in tutta l'Unione europea Euroeconomie [02/06/2022 20:21] Dal Consiglio europeo al sesto pacchetto di sanzioni Euroeconomie [24/05/2022 16:30] Commissione UE: iI Patto di stabilità e crescita resta sospeso anche nel 2023 Euroeconomie [22/05/2022 11:49] BCE: il rapporto sulla politica macroprudenziale e la stabilità finanziaria Euroeconomie [21/05/2022 12:50] I progressi della ricerca scientifica innovativa nelle aree UE in ritardo di sviluppo Euroeconomie [21/05/2022 10:21] Transizione ecologica e Sviluppo economico nell'UE Euroeconomie [21/05/2022 10:07] La strategia REPowerEU della Commissione europea Euroeconomie [21/05/2022 10:01] Macron auspica la creazione di una Comunità politica europea Euroeconomie [21/05/2022 09:02] Parlamento UE: sospensione, per un anno, dei dazi doganali sulle importazioni di prodotti ucraini Euroeconomie [21/05/2022 08:24] In Francia al via il governo Borne: Le Maire confermato all'Economia Euroeconomie [18/05/2022 06:06] Contrattazione, sviluppo e sostenibilità sociale Euroeconomie [10/05/2022 08:17] L'Unione Europea con una serie di iniziative istituzionali ha celebrato il 9 maggio la giornata dell'Europa Euroeconomie
euroeconomie4

Commissione UE: iI Patto di stabilità e crescita resta sospeso anche nel 2023

24/05/2022 16:30

Euroeconomie

Euroeconomie, Commissione europea, 2023, gentiloni, patto di stabilità,

Commissione UE: iI Patto di stabilità e crescita resta sospeso anche nel 2023

di Francesco Capraro

Anche nel 2023 gli Stati membri dell'Unione Europea avranno flessibilità di
bilancio: la Commissione europea ha infatti deciso di mantenere, per il
prossimo anno, la cosiddetta "clausola di salvaguardia" che sospende
l'applicazione delle regole del Patto di stabilità e crescita. Una decisione
adottata per far sì che le economie degli Stati dell’Unione non subiscano gli effetti negativi derivanti dalla grave situazione di instabilità e di tensione che si è verificata ai confini dell’Unione a seguito dell’aggressione russa in
Ucraina.
L'esecutivo europeo ha infatti reso noto che «la maggiore incertezza e i
significativi rischi al ribasso per le prospettive economiche durante la guerra in Ucraina, gli aumenti senza precedenti dei prezzi dell'energia e le continue interruzioni della catena di approvvigionamento giustificano l'estensione della clausola di salvaguardia generale»: una scelta politica quanto mai opportuna, improntata al realismo e finalizzata - tra le altre cose - a rendere sostenibile il set di sanzioni contro la Russia che la Commissione ha varato immediatamente dopo l'aggressione a danno dell'Ucraina.
Giova ricordare che l'attivazione della clausola di salvaguardia, che ha
sospeso l'operatività del Patto di stabilità in questi anni di emergenza
pandemica, ha permesso il dispiegamento di investimenti pubblici finalizzati a mitigare gli effetti negativi del ciclo economico sottoposto ad uno shock simmetrico di domanda e di offerta. L'estensione della "general escape clause", secondo la Commissione, «fornirà, ove necessario, lo spazio per le politiche nazionali per reagire prontamente assicurando al tempo stesso una morbida transizione dall’ampio supporto generalizzato all’economia adottato nei tempi della pandemia, verso misure temporanee e mirate».
L'avvio del processo di discussione generale ed il relativo confronto politico tra gli Stati dell'Unione europea sulla riforma delle regole fiscali comunitarie proseguirà, quindi, fino al prossimo anno. E già in precedenza il commissario europeo agli affari economici e monetari, Paolo Gentiloni, nel corso della conferenza “Romanian Business and Investment Roundtable” tenutasi a Bucarest lo scorso marzo, si era detto ottimista circa la possibilità di arrivare ad un accordo tra gli Stati membri per avviare il processo di revisione delle regole del Patto di stabilità. «Ciò che abbiamo deciso», aveva detto Gentiloni, «è di esaminare la situazione nei prossimi mesi. La decisione che era stata quasi presa era di mantenere la clausola di sospensione generale del Patto di stabilità, che è una sospensione formale delle regole di bilancio, fino alla fine di quest'anno; ma naturalmente non viviamo su Marte, viviamo in Europa e dobbiamo guardare da vicino alle conseguenze della guerra, che sono difficili da valutare e dipendono dalla durata del conflitto». La decisione di ieri conferma dunque le ipotesi che circolavano già da tempo circa l’estensione della clausola di salvaguardia finalizzata alla sospensione dell’applicazione delle regole più stringenti del Patto di stabilità e crescita per tutto il 2023.
In conclusione, al momento è possibile rilevare un dato fondamentale:
l'attuale Commissione europea, su impulso della situazione politica generale
all’interno degli Stati membri, Francia in primis, tendenzialmente favorevole alla revisione dei criteri più dibattuti nel corso di questi ultimi anni, ha adottato un'impostazione "flessibile" nell'autorizzare lo scostamento dai parametri indicati nel Patto di stabilità e crescita. E questa impostazione, con tutta probabilità, si rivelerà di grande utilità negoziale quando si tornerà a discutere, nei prossimi mesi, sulla sostenibilità della disciplina fiscale contenuta nel Patto stesso: la sommatoria di due crisi (quella sanitaria, i cui effetti continueranno a dispiegarsi nel corso del tempo, e quella ucraina), infatti, rischia di accentuare i divari all'interno dell'eurozona, aggravando la posizione delle economie più deboli, e non solo: l'elevato grado di correlazione e di interdipendenza delle economie della UE, infatti, farà sì che la ripresa economica del singolo Stato membro inicida sulle condizioni
economiche degli altri Stati e, di riflesso, dell'intera economia dell'Unione.
Scenari inediti, dunque, che richiedono decisioni politiche coraggiose: e
l’attuale Commissione (il cui mandato, ricordiamo, scade nel 2024) ha
tendenzialmente dimostrato di non volersi sottrarre ad una transizione verso forme differenti, certamente più condivise, di sorveglianza della politica fiscale dei singoli Stati, anche su impulso di un’opinione pubblica europea sempre più interessata agli effetti che le decisioni comunitarie, quelle prese a Bruxelles, hanno sulla vita del "cittadino europeo".

 

Francesco Capraro @euroconomie


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2022 EUROECONOMIE

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

Come creare un sito web con Flazio