instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Rimani aggiornato su tutte le news di euroeconomie.it

[28/09/2022 12:26] Gas: sulle forniture un Price Cap Ue. Lo richiedono con una lettera 15 Stati su 27. Euroeconomie [27/09/2022 13:20] Le elezioni politiche in Italia. I risultati Euroeconomie [12/09/2022 14:23] Il rialzo dei tassi della Bce e i rischi di stagnazione Euroeconomie [12/09/2022 13:29] Europa, rinascita del welfare e nuovi legami sociali Euroeconomie [07/09/2022 10:04] Ci ha lasciati Salvatore Biasco. il cordoglio del nostro Board Euroeconomie [06/09/2022 12:46] Accordo franco-tedesco: gas dalla Francia alla Germania. Berlino ricambia con energia elettrica. Euroeconomie [06/09/2022 11:27] Liz Truss è la nuova premier della Gran Bretagna Euroeconomie [01/09/2022 13:42] Dal Consglio Ue sull'energia sia misure urgenti che strutturali Euroeconomie [01/09/2022 12:39] Mercati del lavoro: effetti benefici delle politiche pubbliche di sostegno in Italia e in Spagna Euroeconomie [26/08/2022 17:34] Riunione urgente dei ministri dell'Energia da convocare per affrontare l'emergenza gas Euroeconomie [22/08/2022 10:46] Gentiloni: "Ora bisogna accelerare sul Pnrr, non ricominciare da zero" Euroeconomie [20/08/2022 18:18] Nuovo record dell'inflazione nell'Eurozona: + 8.9% a luglio Euroeconomie [08/08/2022 18:12] TPI, il nuovo strumento anti-spread della Bce Euroeconomie [08/08/2022 04:36] La riforma del Patto di Stabilità secondo Lindner, ministro delle finanze tedesco Euroeconomie [30/07/2022 15:18] Eurostat: tenuta della crescita ma nuovo record dell'inflazione nell'Eurozona Euroeconomie [21/07/2022 07:03] Italia: il governo Draghi senza più maggioranza in Parlamento Euroeconomie [13/07/2022 11:58] Il primo Ecofin del semestre a presidenza ceca Euroeconomie [03/07/2022 16:33] Inflazione record nell'Eurozona : a giugno l'indice dei prezzi salgono dell'8,6% Euroeconomie [26/06/2022 19:15] Energia, inflazione e aiuti all'Ucraina, i temi al centro dei lavori del Consiglio europeo e del G7 Euroeconomie [20/06/2022 07:30] I risultati delle elezioni legislative in Francia. Le prime proiezioni Euroeconomie [16/06/2022 17:26] Cultura, Europa, sostenibilità nell'umanesimo industriale. Dialogo con Antonio Calabrò Euroeconomie [11/06/2022 20:54] Costo del denaro più alto: in rialzo i tassi Bce, a luglio e settembre 2022 Euroeconomie [11/06/2022 08:56] L'Unione europea e la Global Minimum Tax Euroeconomie [08/06/2022 08:05] Salari minimi adeguati in tutta l'Unione europea Euroeconomie [02/06/2022 20:21] Dal Consiglio europeo al sesto pacchetto di sanzioni Euroeconomie [24/05/2022 16:30] Commissione UE: iI Patto di stabilità e crescita resta sospeso anche nel 2023 Euroeconomie [22/05/2022 11:49] BCE: il rapporto sulla politica macroprudenziale e la stabilità finanziaria Euroeconomie [21/05/2022 12:50] I progressi della ricerca scientifica innovativa nelle aree UE in ritardo di sviluppo Euroeconomie [21/05/2022 10:21] Transizione ecologica e Sviluppo economico nell'UE Euroeconomie [21/05/2022 10:07] La strategia REPowerEU della Commissione europea Euroeconomie [21/05/2022 10:01] Macron auspica la creazione di una Comunità politica europea Euroeconomie [21/05/2022 09:02] Parlamento UE: sospensione, per un anno, dei dazi doganali sulle importazioni di prodotti ucraini Euroeconomie [21/05/2022 08:24] In Francia al via il governo Borne: Le Maire confermato all'Economia Euroeconomie [18/05/2022 06:06] Contrattazione, sviluppo e sostenibilità sociale Euroeconomie [10/05/2022 08:17] L'Unione Europea con una serie di iniziative istituzionali ha celebrato il 9 maggio la giornata dell'Europa Euroeconomie
euroeconomie4

Bce alle prese con un difficile trade-off crescita-inflazione

05/03/2022 15:29

Euroeconomie

Euroeconomie, euroeconomie, euroeconomia, inflazione, Bce, #Lagarde, tassi, Powell, fed , guerra in ucraina,

Bce alle prese con un difficile trade-off crescita-inflazione

Le banche centrali stanno affrontando uno shock stagflazionistico esogeno che potrebbe neutralizzare l'impatto correttivo delle politiche monetarie

Le banche centrali in Europa e Stati Uniti stanno fronteggiando i rischi di una evoluzione degli scenari macroeconomici determinato da uno shock stagflazionistico esogeno che potrebbe neutralizzare l'impatto correttivo delle politiche monetarie sulle insidie alla crescita. Tuttavia, l'alta inflazione e i mercati del lavoro in contrazione, favorendo potenzialmente l'emergere di effetti secondari, potrebbero convincere i board delle banche centrali a mantenere per ora un atteggiamento cautamente rigido, con politiche pragmatiche nelle diverse aree monetarie di riferimento.

Il presidente della Federal Reserve Powell sarebbe orientato  ad aumentare i tassi di 25 punti base al prossimo incontro di marzo, ma non ha escluso la possibilità, nei successivi incontri, di un aumento dei tassi di 50 punti base.

La situazione è più complicata per la Banca centrale europea alle prese con un difficle trade-off crescita-inflazione, anche se i recenti dati economici, precedenti al conflitto in Ucraina, lasciavano presagire una prospettiva di inflazione più preoccupante. 

Si è espresso per una maggiore cautela in merito ad una restrizione monetari nell'eurozona, Fabio Panetta, membro dell'Executive Board della Bce, nel suo intervento al seminario online organizzato il 28 febbraio al Robert Schuman Centre for Advanced Studies e dalla Florence School of Banking and Finance presso l’Istituto universitario europeoSecondo Panetta è troppo presto per stimare l'impatto della guerra e delle sanzioni sull'economia europea e sarebbe poco saggio fissare in anticipo i cambiamenti di politica monetaria prima che gli effetti dell'attuale crisi siano più chiari.

Non si riscontra nell'eurozona un eccesso di domanda interna rispetto all’offerta come avviene negli Stati Uniti. La spesa per consumi e investimenti così come pure il reddito delle famiglie, non sono tornati ai livelli pre-crisi e il risparmio rimane al di sopra dei valori precedenti la pandemia. I dati diffusi aggregati sui redditi delle famiglie diffusi dagli enti statistici, segnalano un livello ancora ampiamente inferiore rispetto al trend osservato prima della crisi. L’inflazione nell'eurozona deriva dall’aumento dei prezzi all’importazione ed è quindi in larga misura importata, a causa degli shock che hanno colpito sia la domanda sia l’offerta a livello globale e che si ripercuotono ora nell'Unione.

La Banca d'Inghilterra probabilmente aumenterà i tassi di 25 punti base nella sua prossima riunione di marzo, alla luce delle preoccupazioni sull'inflazione anche el Regno Unito, ma il percorso successivo è molto incerto.

Gli scenari evolvono verso una complicazione delle relazioni internazionali e commerciali. Marzo sarà un mese in cui le decisioni di politica monetaria  potrebbero dettare la linea per il resto dell'anno, in Europa in particolare.


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2022 EUROECONOMIE

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

Come creare un sito web con Flazio