instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development[02/03/2024 21:43] The economy in the program of Nicolas Schmit, spitzenkandidaten of the PSE[27/02/2024 12:34] Lagarde: politics should take further steps towards European integration[24/02/2024 16:28] Draghi to Ecofin: "huge resources are needed for double transition, defense and our models of social cohesion"[24/02/2024 07:27] Eurogroup: reactions to the French appeal on the Capital Markets Union[24/02/2024 07:14] Eurogroup: Le Maire's appeal for the union of the capital market[19/02/2024 12:54] European Commission: President Von der Leyen applies for a second term[17/02/2024 12:58] Pil 2024, Ue lima stime crescita dell'Eurozona[14/02/2024 22:32] Euroeconomie e la Fondazione Buozzi presentano l'ultimo libro di Marco Buti[12/02/2024 16:25] Nuovo Patto di stabilità, trovato l'accordo tra Consiglio e Parlamento europeo[12/02/2024 15:10] Cipollone: la Bce terrà il passo dell’evoluzione digitale[12/02/2024 14:16] Economia dell'eurozona: l'intervento del Governatore della Banca d’Italia Panetta al 30° Congresso Assiom Forex[10/02/2024 22:12] Al via l'ultimo trilogo tra Parlamento,Consiglio e Commissione sul Patto di stabilità[10/02/2024 13:18] Gentiloni a Washington discute di economia con Yellen e Powell. In visita anche a Brookings e in conferenza ad Harvard[06/02/2024 19:05] Torna in Europa la presidenza del G7. L'Italia sotto i riflettori dei grandi del mondo[06/02/2024 18:19] Attal incontra Scholz. Industria, energia, commercio e difesa al centro del bilaterale franco-tedesco[02/02/2024 15:04] Protesta a Bruxelles degli agricoltori europei. La transizione ecologica è però la soluzione non il problema[02/02/2024 13:25] 50 miliardi in quattro anni all'Ucraina. Decisione unanime al Consiglio europeo straordinario[30/01/2024 17:52] Eurozona: il Pil crescerà dello 0,9% nel 2024 secondo il Fondo monetario
euroeconomie4

Contrattazione, sviluppo e sostenibilità sociale

18/05/2022 06:06

Euroeconomie

Euroeconomies, Economic culture, euroeconomie, sviluppo, contrattazione collettiva, Alessandro Mauriello, ILO, sostenibilità sociale,

Contrattazione, sviluppo e sostenibilità sociale

di Alessandro Mauriello

La pandemia e la conseguente crisi sanitaria hanno rivoluzionato i modelli socio organizzativi delle comunità , degli aggregati urbani, e del mondo del lavoro, con i suoi assi di trasformazione, in bilico tra crisi e mutamento.
In questo quadro inoltre la pandemia ha messo in ancora più evidenza i limiti del nostro modello di sviluppo, facendo da acceleratore.
• all’aumento delle disuguaglianze,
• alla mancata coesione dei nostri sistemi sociali
• a un sistema economico caratterizzato da bassi salari, bassa produttività, e perdite ingenti di quote di reddito da lavoro.
In questi giorni l’Organizzazione internazionale del lavoro ha redatto il consueto Rapporto sulla contrattazione collettiva 2022 che descrive la complessità di quanto menzionato sopra, 120 pagine che analizzano 512 contratti collettivi firmati in 98 paesi, 125 legislazioni nazionali, e oltre il 35% di copertura contrattuale sui vari elementi come salario, orario, e
condizioni di sistema del lavoro.
Con una realtà molto differenziata sul tasso di copertura da paese a paese, per esempio nel vecchio continente il tasso supera oltre il 75% in molti sistemi legislativi del lavoro, in altri come l’Uruguay non supera il 25%.

 

1. Analisi e principi

La contrattazione collettiva, afferma il rapporto nella sua parte iniziale di Sintesi del Rapporto in versione italiana, è il pilastro del dialogo sociale:
• La stessa si basa sulla negoziazione volontaria e sul principio della buona fede, sulla libertà di associazione, e sul diritto effettivo alla contrattazione collettiva, principi fondamentali per la definizione operativa di Lavoro Buono.
• La contrattazione collettiva, declinata in maniera efficace fa progredire l’uguaglianza, , l’inclusione, e il quadro coesivo sulle libertà fondamentali della democrazia economica e politica sui luoghi di lavoro.
• Il Rapporto continua sulla stessa issue, affermando che più si incrementa il livello di copertura dei contratti nazionali minori saranno le differenze salariali
• Ha incentivato al superamento dei divari di genere, per la parità di retribuzione, contrasto alla violenza e molestie di genere
• ha creato nel periodo pandemico resilienza nelle imprese e nel mercato del lavoro in termini di reddito e occupazione
• ha dato centralità alla governance del lavoro su salute e sicurezza

 

2. inclusione sociale e Agenda 2030

Il tema della contrattazione collettiva è fondamentale per affrontare la sfida complessa dei cambiamenti del mondo del lavoro, per tutti gli attori coinvolti nel sistema, per tutte le nuove forme di lavoro parcellizzato, per i lavoratori delle nuove piattaforme digitali, per i lavoratori autonomi.
Da qui l’esigenza forte di perseguire alcuni obiettivi di sostenibilità sociale per una governance inclusiva del lavoro:

1. maggiore partecipazione delle parti datoriali e delle parti sociali per una vera rappresentanza delle organizzazioni, con la stella polare dell’obiettivo 8 di Agenda 2030
2. contrasto ai divari di cittadinanza e all’esclusione sociale attraverso
il tema lavoro

 

3. Nuove forme del lavoro e grande trasformazione

La contrattazione collettiva dovrà essere, strumento con una prospettiva globale per gestire la transizione sociale del lavoro che stiamo vivendo con le nuove geografie del lavoro, insieme a:
• estensione dell’applicazione della legge sul diritto alla contrattazione collettiva
• definizione della capacità di risposta e la copertura dei contratti collettivi
• definizione dell’ambito di applicazione dei contratti collettivi
• protezione dei lavoratori in prima linea e sostegno ai servizi essenziali
• garanzia di luoghi di lavoro sicuri e salubri
• preservazione di buona occupazione, protezione dei redditi, salvaguardia della continuità aziendale
• definizione del tele lavoro e delle pratiche di lavoro ibride

 

3. Per un nuovo patto per il lavoro

Pe rimettere al centro il valore lavoro, in termini di relazioni industriali da parte di tutti gli attori dei sistemi economico sociali dovrà esservi un investimento in termini di processo e coordinamento, verso un Patto per il Lavoro come metodo di governo non solo di alta
amministrazione della cosa pubblica.
Ma come metodo di partecipazione, di ascolto, di leadership forte strutturato su articolazioni territoriali, nel quale le politiche di sviluppo tendano a mantenere un quadro di coesione socio economica forte.
Tale approccio presuppone una visione complessiva degli obiettivi strategici, dei driver di sviluppo, dell’innovazione sociale dei territori con alcuni elementi dell’azione di concertazione allo sviluppo:
• una governance multi livello tra soggetti istituzionali e soggetti sociali del Patto
• una progettazione condivisa e valutazione delle azioni di policies
• Scuola e Formazione come fattori trainanti dello svluppo
• Nuove politiche attive del lavoro orientate all’educazione e all’occupabilità
• Programmazione europea efficace ed efficiente sui fattori precedenti come esecuzione del Pnrr
• Digitalizzazione del Lavoro
• Investimenti in green economy
• Un Piano nazionale di messa in sicurezza del territorio e di rigenerazione urbana del patrimonio abitativo (L. Tronti)
• Un welfare delle persone e dei territori
• Una nuova politica su Aree interne e Sud per il superamento dei divari di cittadinanza

 

Alessandro Mauriello per la rubrica Cultura Economica di @euroeconomie


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder